Sei in: Home » Articoli

Infortunistica: conducente confessa? Non Ŕ piena prova

Nelle ipotesi di responsabilitÓ civile automobilistica se una delle parti confessa la propria responsabilitÓ non Ŕ possibile assegnare a tale confessione valore di piena prova neppure nei confronti di chi ha reso la confessione. E' quanto chiarisce la Corte di Cassazione (Cassazione civile , sez. III, 25 gennaio 2008 , n. 1680) spiegando che detta confessione, pu˛ essere solo liberamente apprezzata da giudice come previsto dall'art. 2733 comma terzo del codicce civile senza che si possa ipotizzare una valutazione differenziata delle responsabilitÓ, con la condanna di chi ha confessato e l'assoluzione dell'assicuratore. Il libero apprezzamento delle dichiarazioni confessorie va fatto dunque con riferimento alla posizione di tutte le parti.
La motivazione resa dai giudici di merito - si legge nella sentenza - "appare intrinsecamente contraddittoria, nella parte in cui ha ritenuto contemporaneamente provato e non provato - quindi legalmente esistente e legalmente inesistente - il medesimo fatto, ed ha emesso condanna a carico del privato danneggiante e non degli assicuratori, sebbene posizioni e responsabilitÓ dell'uno e degli altri siano tutte inscindibilmente collegate all'accertamento di quel fatto".
In sostanza spiega la Corte "se unico Ŕ il fatto che genera la responsabilitÓ, l'accertamento relativo alla sussistenza o meno di quel fatto non pu˛ condurre a risultati diversi per l'uno e per l'altro dei coobbligati, senza che la decisione manifesti un'insanabile contraddizione interna (Nello stesso senso si veda, diffusamente, Cass. Civ. Sez. Un. 5 maggio 2006 n. 10311)".
Altre informazioni su questa sentenza
(12/02/2008 - Roberto Cataldi)
Le pi¨ lette:
» Avvocati e professionisti: Ŕ nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» In arrivo gli sportelli di prossimitÓ, dove non ci sono pi¨ i tribunali
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Trasferimento di strumenti finanziari come ipotesi di donazione diretta ad esecuzione indiretta
» Pensioni: riscatto gratis laurea legato al merito
In evidenza oggi
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Avvocati e professionisti: Ŕ nata la prima polizza a tutela delle parcelleAvvocati e professionisti: Ŕ nata la prima polizza a tutela delle parcelle
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF