Sei in: Home » Articoli

Cassazione: niente pettegolezzi quando si fa cronaca

La curiosità non giustifica la diffusione di notizie sulla vita privata. Basta dunque al pettegolezzo quando si danno notizie di cronaca. E' quanto afferma la Corte di Cassazione evidenziando che "il diritto di cronaca non puo' essere inteso come diritto a sollecitare la curiosita' lubrica del pubblico". E' stata così confermata dalla Quinta sezione penale (sentenza 42067/2007) la condanna per diffamazione nei confronti di due noti giornalisti per un articolo pubblicato nell'ottobre del '99.
La Corte, pur rilevando che "anche le vicende private di persone impegnate nella vita politica o sociale possono risultare di interesse pubblico, quando possano desumersene elementi di valutazione della personalita' o della moralita' di chi debba godere della fiducia dei cittadini", chiarisce che la semplice curiosita' del pubblico non può "giustificare la diffusione di notizie sulla vita privata altrui, perche' e' necessario che tali notizie rivestano oggettivamente interesse per la collettivita'".
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(15/11/2007 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
» Isee: il software Inps per calcolarlo online
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF