Sei in: Home » Articoli

Cassazione: colf 'a nero' fotografa la casa del datore per provare il rapporto di lavoro? Rischia una condanna penale

La Quinta Sezione Penale della Corte di Cassazione (Sent. 36068/2007) ha stabilito che la colf che presta la sua attività lavorativa senza un regolare contratto, non può provare l'esistenza del rapporto di lavoro fotografando la casa del datore di lavoro e ciò in quanto violerebbe la sua privacy.
In particolare, gli Ermellini, pronunciandosi su un ricorso presentato da una signora che lavorava "a nero", hanno precisato che chi agisce per il riconoscimento del rapporto di lavoro fornendo la prova (di tale rapporto) mediante l'esibizione di fotografie della casa dei padroni, rischia una condanna penale (prevista e punita dall'art. 615 c.p.) per abusiva captazione delle immagini.
Con questa decisione la Corte ha respinto il ricorso di una "colf" che aveva intentato una causa nei confronti dei propri datori di lavoro per il riconoscimento del rapporto di lavoro.
Altre informazioni su questa Sentenza
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(19/10/2007 - Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Telecamere negli ospizi: approvata la prima legge regionale
» Avvocati: abolire i contributi obbligatori alla Cassa
» Biotestamento: arriva il diritto alla sedazione profonda?
» Reato per il praticante che si spaccia per avvocato
» Basta la diffida per interrompere l'usucapione?
In evidenza oggi.
Avvocato si cancella dall'albo per fare il becchino
Carcere fino a 6 mesi e obbligo di ripulire per chi sporca edifici e mezzi
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF