Sei in: Home » Articoli

Cassazione: marito costringe la moglie a stare in casa? E' violenza privata

La Quinta Sezione Penale della Corte di Cassazione (Sent.31158/2007) ha stabilito che integra fattispecie di reato (e in particolare di violenza privata), il fatto di costringere la propria moglie a vivere chiusa in casa, obbligandola a modificare radicalmente le proprie abitudini di vita.
Con questa decisione la Corte ha confermato la condanna a un uomo che aveva costretto la propria compagna a vivere chiusa in casa controllata da una telecamera.
In particolare, osserva la Corte, l'uomo aveva constretto, in più occasione la moglie "a modificare le proprie abitudini di vita, rinunciando ad uscire a piedi e, comunque, a limitare le proprie uscite, a vivere chiusa a casa, controllando continuamente le immagini provenienti da una telecamera esterna appositamente installata, a richiedere la compagnia della madre nelle notti in cui il marito era impegnato in turni di lavoro notturni".
Leggi la sentenza
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(03/10/2007 - Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Pensioni pagate in più, l'Inps non può chiedere indietro i soldi
» Avvocati: al via la petizione contro la Cassa forense
» In bus senza biglietto: non scendere è reato
» Casalinga quarantenne: sì al mantenimento anche se in grado di lavorare
» Il padre anziano può regalare il patrimonio agli amici anziché lasciarlo alle figlie
In evidenza oggi.
Avvocati: al via la petizione contro la Cassa Forense
Parte da Catania la petizione contro i costi della Cassa Previdenza Forense
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF