Sei in: Home » Articoli

RC auto: al via l'indennizzo diretto

Dallo scorso 1° febbraio è in vigore il cd. sistema dell'indennizzo diretto (già inserito nel Codice delle assicurazioni del 2006) che prevede, in caso di incidenti stradali, la possibilità di rivolgersi direttamente alla propria assicurazione per ottenere il risarcimento. La nuova procedura si applicherà in caso di incidente tra due veicoli, entrambi con targa italiana, identificati e regolarmente assicurati mentre resterà esclusa se gli autoveicoli sono più di due o se nell'incidente è coinvolta una moto. L'assicurato viene risarcito dei danni al veicolo e delle eventuali lesioni di lieve entità subite dal conducente fino al 9% di invalidità. Per i danni subiti dai passeggeri, invece, la richiesta di risarcimento va sempre presentata all'assicurazione del veicolo sul quale i passeggeri stavano viaggiando. I danneggiati non responsabili (o responsabili solo in parte) possono quindi rivolgersi direttamente alla propria compagnia e non più all'assicuratore di chi ha causato l'incidente. In buona sostanza viene esteso a tutti i sinistri il meccanismo previsto, in passato per l'ex cid: per la denuncia dell'incidente infatti, si dovrà utilizzare il modulo blu (che verrà messo a disposizione dagli assicuratori) che, una volta compilato con i dati delle auto e degli automobilisti coinvolti, dovrà essere inviato alla propria compagnia.
Ora, nel caso in cui il modulo venga sottoscritto congiuntamente da entrambi i conducenti delle due auto coinvolte, la Compagnia avrà 30 giorni di tempo per rispondere con un'offerta di risarcimento; nel caso in cui il modulo contenga invece una sola firma, il tempo per la risposta aumenterà sino a giungere a 60 giorni per i danni alle cose e 90 per i danni al conducente. Se l'assicurato non è soddisfatto del risarcimento riconosciuto dalla sua assicurazione, avrà sempre diritto all'azione legale e diritto anche di poter aderire alla procedura di conciliazione attivata dall'Ania insieme ai consumatori. Si tratta infatti di una procedura gratuita e non vincolante per risolvere contrasti che riguardano sinistri con danni fino a 15 mila euro.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(02/02/2007 - Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Anatocismo: cacciato dalla porta, torna dalla finestra
» Sesso in macchina: cosa si rischia oggi?
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF