Sei in: Home » Articoli

Cassazione: i figli non vanno a scuola? La colpa non è sempre dei genitori

La Terza Sezione Penale della Corte di Cassazione (Sent. n. 32359/2006) ha stabilito che in presenza di un “rifiuto categorico, cosciente e volontario” dei figli di andare a scuola, la mancata partecipazione alla cd. istruzione obbligatoria non può essere addebitata al genitore. I Giudici del Palazzaccio hanno precisato che i genitori non sono responsabili solo quando il rifiuto “permanga dopo che i genitori abbiano usato ogni argomento persuasivo ed ogni altro espediente educativo di cui siano capaci secondo il proprio livello socio- economico e culturale ed abbiano fatto ricorso, se le circostanze ambientali lo consentano, agli organi di assistenza sociale”. Con questa decisione la Corte ha annullato con rinvio la sentenza che aveva condannato due genitori ritenuti colpevoli di aver omesso di fare impartire alla figlia minore l'istruzione della scuola media.
Leggi la motivazione della sentenza
(24/01/2007 - Avv.Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Pensioni: allo studio lo sconto di tre anni per l'uscita anticipata delle donne
» Per amici e parenti l'avvocato può anche lavorare gratis
» Separazione: va mantenuta la ex disoccupata anche se può trovarsi un lavoro
» Avvocati: fino a 500 euro al mese di contributi per pagare i praticanti
» Autovelox e tutor: al via le nuove regole
In evidenza oggi
Avvocati: fino a 500 euro al mese di contributi per pagare i praticantiAvvocati: fino a 500 euro al mese di contributi per pagare i praticanti
Giudizio di cassazione e adunanza camerale: se il controricorso è tardivo, la memoria ora è ammissibileGiudizio di cassazione e adunanza camerale: se il controricorso è tardivo, la memoria ora è ammissibile
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF