Sei in: Home » Articoli

Cassazione:Obbligo del locatore ottenere il certificato di abitabilità dell'immobile

La Terza Sezione della Corte di Cassazione (Sent. n. 8409/2006) ha stabilito che rientra tra le obbligazioni del locatore quella di procurare al conduttore il certificato di abitabilità dell?immobile. I Giudici del Palazzaccio hanno infatti precisato che ?in giurisprudenza di legittimità si è già affermato che [?] in assenza di patto contrario, incombe all'alienante o disponente [?] l'obbligo di curare l'ottenimento del certificato di abitabilità, posto a tutela delle esigenze igieniche e sanitarie nonché degli interessi urbanistici, richiedenti l'accertamento pubblico della sussistenza delle condizioni di salubrità, stabilità e sicurezza dell'edificio [?], attestante l'idoneità dell'immobile ad essere "abitato" e più generalmente ad essere frequentato dalle persone fisiche?. Detto obbligo sussiste qualunque sia la destinazione del bene locato (abitativo, commerciale, deposit0 ecc.). Aggiunge inoltre la Corte che nel caso di contratto di locazione tale obbligo deve ritenersi incombere al locatore, quale proprietario o comunque titolare del potere di disposizione sulla cosa e che ?la mancanza del certificato di abitabilità si è ritenuta determinare, sul piano civilistico, la nullità del contratto per illiceità dell'oggetto? e ?il definitivo diniego del rilascio del certificato di abitabilità legittima il ricorso ai rimedi della risoluzione del contratto e del risarcimento del danno?.
Leggi la motivazione della sentenza
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(21/06/2006 - Cristina Matricardi)
Le più lette:
» In arrivo il "congedo mestruale"
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Autovelox: nei centri abitati serve la pattuglia
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF