Sei in: Home » Articoli

Cassazione: tentata concussione e interruzione volontaria della gravidanza

E' responsabile di tentata concussione e non di tentata truffa aggravata il medico ospedaliero che induce la paziente a sottoporsi ad una interruzione volontaria della gravidanza presso il proprio studio dietro compenso di una somma di denaro, "rappresentandole falsamente la momentanea impossibilità di effettuarlo presso la struttura pubblica, giacchè tale tipo di intervento era momentaneamente sospeso". E' quanto ha rilevato la Corte di Cassazione in una recente pronuncia (Sent. n. 2677/2006) precisando che il delitto di concussione si distingue da quello di truffa aggravata dall?abuso di poteri o dalla violazione di doveri inerenti ad una pubblica funzione per la "consapevolezza del soggetto passivo di dare o di promettere qualcosa di non dovuto, con la conseguenza che si ha concussione quando il privato mantiene tale consapevolezza, mentre si ha truffa aggravata se il privato viene indotto in errore dal soggetto qualificato circa la doverosità oggettiva nei riguardi della P.A. delle somme date o promesse". Nel caso di specie la paziente era ben consapevole di non dover nulla al sanitario, trattandosi di una prestazione ospedaliera dispensata dal S.S.N.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(07/04/2006 - Francesca Romanelli)
Le più lette:
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF