Sei in: Home » Articoli

Multe: Cassazione, da stracciare se depositate in Comune

Sono da considerarsi cartastraccia le sanzioni amministrative inflitte per un'infrazione stradale che vengono depositate in comune. Non importa se l'ufficio postale ha comunicato al diretto interessato la 'compiuta giacenza' della raccomandata presso la casa comunale. La Corte di Cassazione allunga la lista delle multe da considerarsi nulle, accogliendo un ricorso di un'automobilista della capitale, Maria Rosaria C., che si era vista convalidare dal Giudice di pace, nell'aprile 2001, una multa a 465 euro per una serie di infrazioni al Cds accertare nel '95. Per il Giudice di pace, la sanzione amministrativa era valida perche', anche se non era stata notificata a casa dell'automobilista, c'era comunque stata la ''comunicazione dell'ufficio postale circa la 'compiuta giacenza' della raccomandata spedita per dare l'indicato avviso che provava la regolarita' di tale giacenza''.Secondo la Suprema Corte (sentenza 20104), invece, che ha accolto il ricorso di Maria Rosaria C., perche' una sanzione amministrativa sia valida devono essere rispettati tutti gli adempimenti relativi all'avviso del deposito, vale a dire ''l'affissione alla porta d'abitazione e comunicazione mediante raccomandata''. Diversamente, la multa e' nulla.
Per effetto della decisione, la Prima sezione civile ha condannato il comune di Roma a rimborsare all'automobilista 2400 euro, complessivi delle spese processuali sostenute davanti al giudice di pace, degli onorari e delle spese di Cassazione.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(15/11/2005 - Adnkronos)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Lotteria degli scontrini in arrivo
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Papa: ci vuole un "grande coraggio" oggi per sposarsi
In evidenza oggi.
Charlie Hebdo: esercizio del diritto di satira o lesione della dignità delle vittime?
Alcune considerazioni di Gino M.D. Arnone relative al macabro accostamento pietanze-morti sono tuttora valide dopo l'ennesima, ripugnante vignetta del settimanale satirico
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF