Sei in: Home » Articoli

Le nuove regole per rumore e informazione ambientale

Sono stati pubblicati sulla GU n. 222 del 23 settembre 2005 i due Decreti legislativi di recepimento di due direttive comunitarie sul rumore (2002/49/CE) ed eco-informazione (2003/4/CE). Le nuove regole sono entrate in vigore lo scorso 8 ottobre. In particolare, il decreto legislativo n. 194 del 19 Agosto 2005 (contro l'inquinamento acustico) prevede tra le altre cose, la predisposizione di una mappa acustica strategica, l'introduzione di specifici piani di azione anti-rumore, l'utilizzo di descrittori acustici che definiscono sia il livello complessivo del rumore nelle tre fasce orarie, sia i disturbi provocati al sonno dall'inquinamento acustico, e l'istituzione di una nuova fascia oraria in cui censire il rumore: la sera tra le 20 e le 22. Il secondo decreto legislativo (il n. 195 del 19 agosto 2005), disciplina l'accesso del pubblico all'informazione ambientale secondo le nuove disposizioni comunitarie volte ad ampliare il diritto a tale accesso. In particolare, il provvedimento prevede una sensibile estensione, sia sotto il profilo quantitativo che qualitativo, delle definizione di informazione ambientale; la definizione del contenuto minimo della documentazione amministrativa che ogni autoritÓ pubblica sarÓ tenuta a mettere a disposizione del pubblico; la previsione di una tutela, anche amministrativa, del diritto di accesso all'eco-informazione.
(26/10/2005 - Avv.Cristina Matricardi)
Le pi¨ lette:
» Autovelox: obbligo di doppia segnalazione
» Avvocati: quali sanzioni in caso di mancato preventivo?
» Niente avvocati esterni per l'Agenzia Entrate Riscossione
» Legge Gelli-Bianco: un quadro di sintesi della riforma della responsabilitÓ medica
» Video e foto sui social all'insaputa di chi Ŕ ripreso? Ora si rischia il carcere
In evidenza oggi
Multa di 110 euro per chi fuma in auto davanti ai figli minoriMulta di 110 euro per chi fuma in auto davanti ai figli minori
Video e foto sui social all'insaputa di chi Ŕ ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi Ŕ ripreso? Ora si rischia il carcere
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF