Sei in: Home » Articoli

Le nuove regole per rumore e informazione ambientale

Sono stati pubblicati sulla GU n. 222 del 23 settembre 2005 i due Decreti legislativi di recepimento di due direttive comunitarie sul rumore (2002/49/CE) ed eco-informazione (2003/4/CE). Le nuove regole sono entrate in vigore lo scorso 8 ottobre. In particolare, il decreto legislativo n. 194 del 19 Agosto 2005 (contro l'inquinamento acustico) prevede tra le altre cose, la predisposizione di una mappa acustica strategica, l'introduzione di specifici piani di azione anti-rumore, l'utilizzo di descrittori acustici che definiscono sia il livello complessivo del rumore nelle tre fasce orarie, sia i disturbi provocati al sonno dall'inquinamento acustico, e l'istituzione di una nuova fascia oraria in cui censire il rumore: la sera tra le 20 e le 22. Il secondo decreto legislativo (il n. 195 del 19 agosto 2005), disciplina l'accesso del pubblico all'informazione ambientale secondo le nuove disposizioni comunitarie volte ad ampliare il diritto a tale accesso. In particolare, il provvedimento prevede una sensibile estensione, sia sotto il profilo quantitativo che qualitativo, delle definizione di informazione ambientale; la definizione del contenuto minimo della documentazione amministrativa che ogni autoritÓ pubblica sarÓ tenuta a mettere a disposizione del pubblico; la previsione di una tutela, anche amministrativa, del diritto di accesso all'eco-informazione.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(26/10/2005 - Cristina Matricardi)
Le pi¨ lette:
» Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
» Cassazione: non presentarsi all'udienza Ŕ remissione tacita di querela
» Stalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero crediti
» Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?
» Risarcimento danni: in arrivo le tabelle uniche nazionali
In evidenza oggi
Colpo di frusta: niente risarcimento senza TacColpo di frusta: niente risarcimento senza Tac
Stalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero creditiStalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero crediti
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF