Sei in: Home » Articoli

Nullità o inadempimento... quale sanzione per la violazione degli obblighi di comportamento dell'intermediario?

La forma scritta ad substantiam prevista dall?art. 23 T.U.F. si riferisce al contratto di negoziazione (c.d. contratto quadro o master agreement) e non ai singoli negozi conclusi nell?ambito e in esecuzione del rapporto che trova la sua fonte nel contratto quadro. La negoziazione di obbligazioni argentine sul mercato secondario non costituisce attività di collocamento o di sollecitazione all?investimento e non presuppone pertanto la consegna del prospetto informativo. Non può essere condivisa l?estensione dell?area della nullità al di fuori delle ipotesi in cui tale sanzione è espressamente prevista dal legislatore.
Ne consegue che ?la voluta distinzione fra adempimenti prescritti a pena nullità ed altri obblighi di comportamento pure posti a carico dell?intermediario, impedisce una generalizzata qualificazione di tutta la disciplina dell?intermediazione mobiliare come di ordine pubblico e, ultimamente, presidiata dalla c.d. nullità virtuale di cui all?art. 1418 1° comma c.c.? (Trib. Milano n.7555/05, Pres. Est. Vanoni). Appare pertanto più appropriato applicare alle fattispecie di violazione delle norme comportamentali dettate dal T.U.F., e per le quali non sia stata espressamente prevista dal legislatore la sanzione della nullità, i generali principi in tema di inadempimento. Il Giudice, nell?esaminare i comportamenti tenuti dagli intermediari nelle singole fattispecie, potrà e dovrà dunque valutare l?importanza dell?inadempimento dedotto dall?investitore, sia ai fini della condanna al risarcimento dei danni, sia ai fini della eventuale risoluzione del contratto. Il Giudice, inoltre, non potrà prescindere dall?esame dell?entità del pregiudizio sofferto, dall?eventuale concorso di colpa del creditore (art. 1227 c.c.) e, soprattutto, dalla verifica del nesso eziologico fra inadempimento e danno in ordine al quale non può dirsi invertito l?onere della prova ai sensi dell?art. 23 comma 6. T.U.F. L?investitore dovrà quindi provare che il danno patito è conseguenza immediata e diretta della condotta colposa dell?intermediario e non, semplicemente, dell?andamento sfavorevole del mercato.
Nella decisione
(07/08/2005 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Le chat su WhatsApp valgono come prova
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Avvocati: i termini di decadenza dei contributi alla Cassa Forense
» Scuola: anche gli avvocati in coda per fare i supplenti
In evidenza oggi
Unioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoptionUnioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoption
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF