Sei in: Home » Articoli

Privacy: contrordine della Cassazione, i nomi restano sulle sentenze

Parziale contrordine della Corte di Cassazione sull'occultamento dei dati identificativi degli imputati. Di fronte alla nuova richiesta di oscuramento del nome, infatti, la Suprema Corte ha deciso di rilasciare copia dell' originale senza oscurare il nome. Nel frontespizio della sentenza 22724 depositata oggi il presidente della Terza sezione penale Giuseppe Savignano, su richiesta dell'imputato, aveva decretato ''in caso di diffusione, di omettere i dati identificativi di Carmine L''. Ma la copia dell'originale e' stata appunto rilasciata senza sbianchettare il nome.
Carmine L., condannato a tre anni di reclusione dalla Corte d'appello di Bologna per episodi di violenza sessuale, aveva ottenuto la sospensione della esecuzione della pena su ordinanza della stessa corte bolognese. La decisione e' stata appellata senza successo in Cassazione dal pg bolognese, e l'imputato aveva chiesto l'oscuramento dei suoi dati identificativi. L'oscuramento, alcune settimane fa, era stato chiesto e ottenuto per due imputati definitivamente condannati dalla Seconda sezione penale. Sia nel caso di C. C. che nel caso di M.L., la Suprema Corte aveva disposto l'oscuramento dei dati identificativi in virtu' dell'art. 52, comma 1 del decreto legislativo 196/2003 che lo prevede ''in caso di riproduzione della sentenza in qualsiasi forma, per finalita' di informazione giuridica, supporti elettronici o mediante reti di comunicazione elttronica''.
(20/07/2005 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Il pignoramento del conto cointestato
» Il perfezionamento della notifica di un atto giudiziario consegnato a persona diversa dal destinatario
» Gli avvocati non crescono più
» Polizza furto auto: condannata la compagnia di assicurazioni che non dà la prova contraria
In evidenza oggi
Divorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euroDivorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euro
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF