Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Esame avvocati: riforma rinviata al 2017. Restano i codici commentati

Sospiro di sollievo, dunque, per coloro che si apprestano a sostenere gli esami nelle due sessioni previste per il biennio 2015-2016
studente

Quella che fino a qualche giorno fa era una speranza, oggi è quasi una certezza: gli “aspiranti avvocati” potranno sostenere gli esami di abilitazione secondo la procedura vigente fino al 2017.

Dopo la fiducia ottenuta ieri dal Governo sul decreto Milleproroghe e il via libero definitivo atteso oggi dalla Camera, l'emendamento che allunga di altri due anni la disciplina transitoria di cui all'art. 49 della legge forense per ottenere l'abilitazione all'esercizio della professione si appresta a diventare legge.

Superato lo scoglio di Montecitorio, infatti, il decreto dovrà superare solo il passaggio “formale” al Senato, dove il testo arriverà blindato e senza possibilità di modifiche, vista l'imminente scadenza per la conversione entro il prossimo 1° marzo.

Sospiro di sollievo, dunque, per coloro che si apprestano a sostenere gli esami nelle due sessioni previste per il biennio 2015-2016, che vedono allontanarsi l'incubo di presentarsi agli esami senza il “sostegno” dei codici commentati e con sette materie orali.

La nuova disciplina, delineata dall'art. 46 della l. n. 247/2012 sancisce, infatti, che gli esami di stato si articoleranno in tre prove scritte, svolte “con il solo ausilio dei testi di legge senza commenti e citazioni giurisprudenziali”, ed una orale in cui dovrà dimostrarsi la conoscenza dell'ordinamento e della deontologia forensi, del diritto civile e penale, del diritto processuale civile e penale, nonché di altre due materie a scelta tra: “diritto costituzionale, diritto amministrativo, diritto  del  lavoro, diritto commerciale, diritto comunitario ed  internazionale  privato, diritto tributario, diritto ecclesiastico, ordinamento giudiziario  e penitenziario”.

Ma per il momento, salvo sorprese dell'ultima ora, il pericolo può dirsi scongiurato e rinviato agli avvocati del futuro biennio. 

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Seguici anche su Facebook e iscriviti alla newsletter

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(21/02/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
» Isee: il software Inps per calcolarlo online
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF