Sei in: Home » Articoli

Lascia la figlia in auto e va a fare i regali di Natale. Per la Cassazione è reato di abbandono di minore

Per la Cassazione (sentenza n. 42254/2014) la donna non poteva farla franca per aver lasciato “per un periodo di tempo non trascurabile, in condizioni di abbandono” la minore
Donna con carrello della spese in abbigliamento natalizio

Sempre in tema di giustizia sotto l'albero, la Cassazione si è occupata di recente di una vicenda riguardante una mamma milanese che aveva lasciato la figlioletta di 4 anni in auto per andare a fare lo shopping natalizio, annullando la sentenza della Corte d'Appello di Milano che l'aveva assolta dal reato di abbandono di minore.

Per la quinta sezione penale della Suprema Corte (sentenza n. 42254/2014) la donna non poteva farla franca per aver lasciato “per un periodo di tempo non trascurabile, in condizioni di abbandono” la minore che era venuta a trovarsi in una situazione “potenzialmente rischiosa”, data la sua tenera età, l'orario serale, le temperature in atto e la circostanza che non avesse indosso neanche il giubbotto.

La bimba, infatti, chiusa in macchina per circa un'ora in preda alle lacrime e all'agitazione era stata notata dai passanti, i quali accortisi che la stessa non era accudita da nessuno avevano chiamato le forze dell'ordine che l'avevano soccorsa.

Così, la S.C. “rimproverando” i giudici di secondo grado per non aver preso in considerazione tutti questi elementi, ha accolto il ricorso del Procuratore generale di Milano contro il verdetto di assoluzione della donna emanato per mancanza della “consapevolezza dell'abbandono”, considerato che la ragione principale non era abbandonare la bambina al proprio destino bensì punirla per non averle obbedito di seguirla nello shopping natalizio.

Fatto decisivo per i giudici di piazza Cavour anche l'atteggiamento della donna che, di ritorno all'auto, avendo trovato un assembramento di gente, tra cui vigili e ambulanza, anziché preoccuparsi della bambina aveva subito reagito con rabbia per la rottura del finestrino della macchina. 

Vai alle pronunce più significative della giurisprudenza sul Natale

(25/12/2014 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Le chat su WhatsApp valgono come prova
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Avvocati: i termini di decadenza dei contributi alla Cassa Forense
» Scuola: anche gli avvocati in coda per fare i supplenti
In evidenza oggi
Unioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoptionUnioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoption
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF