Sei in: Home » Articoli

Responsabilita' dei genitori per il fatto illecito commesso dal figlio minore convivente: contenuti e conseguenze.

famiglia divano id14822
Avv. Silvia Delcuratolo
Nella sentenza n. 3964/2014, la Corte di Cassazione ha affrontato il tema della responsabilità dei genitori per il fatto illecito commesso dal figlio minore con essi convivente, evidenziando che tale responsabilità viene meno soltanto se essi dimostrano di aver impartito al figlio un'educazione sufficiente ad impostare una corretta vita di relazione.
In particolare, nel caso di specie un minore di sedici anni aveva attraversato la strada con il semaforo rosso, causando un incidente a un motociclista che sopravveniva.

In proposito la Cassazione ha evidenziato che la responsabilità dei genitori per i fatti illeciti commessi dal minore con loro convivente è correlata ai doveri inderogabili di istruire e educare la prole su di loro incombenti per legge.
Pertanto, i genitori devono educare costantemente il figlio per correggere suoi comportamenti scorretti e realizzare una personalità equilibrata, consapevole della relazionalità della propria esistenza e della protezione della propria ed altrui persona da ogni fatto consapevolmente illecito.

Invero, i danni causati dall'indisciplina, dalla negligenza o dall'irresponsabilità del minore - nello svolgimento di attività suscettibili di arrecare danno a terzi (fra cui in particolare l'inosservanza delle norme della circolazione stradale) - devono essere risarciti dai genitori in quanto questi hanno la responsabilità di svolgere un'adeguata attività formativa, impartendo ai figli l'educazione al rispetto delle regole della civile coesistenza, nei rapporti con il prossimo e nello svolgimento delle attività extrafamiliari.
Per sottrarsi a tale responsabilità, i genitori devono dimostrare di aver impartito al figlio un'educazione normalmente sufficiente ad impostare una corretta vita di relazione in rapporto al suo ambiente, alle sue abitudini ed alla sua personalità.

E', invece, irrilevante e non li esime da responsabilità la prova di circostanze (quali l'età ormai raggiunta dal minore e le esperienze lavorative da lui eventualmente avute) idonee ad escludere l'obbligo di vigilare sul minore, ma non certo quello di educarlo.
Avv. Silvia DelcuratoloAvvocato civilista e matrimonialista Silvia Delcuratolo
Studio legale Verdebello - Delcuratolo
Via Don Luigi Guanella, 15/G - 70124 Bari - fax 080.5023763 - Mobile: 333.1790189
Sito internet: www.studiolegaleverdel.it - E-mail: silvia.delcuratolo@libero.it
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(27/02/2014 - Avv. Silvia Delcuratolo)
Le più lette:
» Avvocati: niente contributi minimi alla Cassa né obbligo di iscrizione
» Stalking: gratuito patrocinio a prescindere dal reddito
» Regime dei minimi: com'era e com'è
» Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
» Negoziazione assistita senza notaio: Aiga, ora spazio agli avvocati
In evidenza oggi
Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debitoEquitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
Corrente elettrica: indennizzi automatici fino a 1.000 euro per interruzioni prolungateCorrente elettrica: indennizzi automatici fino a 1.000 euro per interruzioni prolungate
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF