Diritto di Famiglia

Lo stalking reciproco: maggiori cautele da parte del giudice quando i coniugi si offendono a vicenda

Particolare della toga indossata da giudice della Cassazione
Avv. Maria Rando
silvia.rando@yahoo.it
Nuove prospettive per la punibilità dello stalking, reato che è espressione del cambiamento dei tempi, dell'evoluzione dei rapporti umani, delle dinamiche di coppia e familiari. Recentissima è la sentenza che delinea la figura in termini di reciprocità delle offese

Cosa cambia? Qual è il nuovo ruolo del Giudice dinanzi a questi casi? 
La Corte di Cassazione, nella sentenza n. 45648/2013 ha deciso che, quando entrambi i coniugi si molestano reciprocamente, la figura degli atti persecutori si configura lo stesso, ma dovrà essere valutata con maggiore accuratezza

Il Giudice deve motivare le proprie decisioni sulla base dell'effettivo danno subito dall'offeso, verificando lo stato d'ansia o di paura, il reale timore per l'incolumità propria o di persone vicine e il cambiamento forzato delle abitudini di vita. 

La predominanza di uno dei coniugi può essere valutata dal Giudice come atteggiamento molesto e punibile, che porta la vittima solo ad una reazione legittima e non punibile.
Avv. Maria Rando, avvocato civilista, Taranto
(13/02/2014 - Avv. Maria Rando)
Le più lette:
» Avvocati di successo: le sei abilità necessarie
» Il peggior cliente che l'avvocato possa mai sperare di avere…
» Paga il danno da alienazione parentale la mamma che non fa vedere il figlio all'ex
» Avvocati: da Shakespeare a Oscar Wilde, i più celebri aforismi sul mondo dell'avvocatura
» Risarcimento in libri per la baby squillo dei Parioli
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF