Sei in: Home » Articoli

Cassazione: infortunio e termini per la richiesta di accertamento della dipendenza da causa di servizio

airbag aperto

di Licia Albertazzi - Corte di Cassazione Civile, sezione lavoro, sentenza n. 586 del 14 Gennaio 2014. La domanda diretta ad accertare la dipendenza da causa di servizio – ipotesi diversa rispetto a quella della domanda formulata al fine di ottenere equo indennizzo - del danno subito dal lavoratore è sottoposta, ex dpr 461/2001 (“semplificazione dei procedimenti per il riconoscimento della dipendenza delle infermita' da causa di servizio”) al termine di sei mesi, decorrente, se noto, dal momento in cui si verifica l'evento mentre, se non immediatamente individuabile, da quando il lesionato ha avuto conoscenza dell'infermità, della lesione o dell'aggravamento delle proprie condizioni cliniche.

La circostanza per cui la domanda possa essere presentata in un secondo momento – pur sempre nel limite dei sei mesi dalla scoperta – va valutata caso per caso, a discrezione del giudice del merito. Nel caso in oggetto la domanda di accertamento a seguito di infortunio subito da un dipendente pubblico viene rigettata poiché proposta fuori dai termini di legge. Il lavoratore impugna così il provvedimento, sino a ricorrere in Cassazione. E' tuttavia stato subito chiaro come dall'incidente automobilistico siano derivati, per il ricorrente, gravi danni, tra cui rotture ossee, asportazione di organi e trauma cranico. “E' evidente che in tali obiettività traumatiche, immediatamente derivate dal sinistro, il ricorrente non poteva che essere edotto sin dal momento dell'incidente, non dovendosi in questa fase prodromica (…) discettare della gravità dei postumi ma solo della sussistenza delle lesioni”. In situazioni come queste è impossibile operare una lettura estensiva o fornire un'interpretazione della norma che non sia strettamente letterale. Quando le circostanze di fatto sono palesi, al giudice non resta che rigettare la domanda; cosa che è accaduta anche ad opera della Suprema Corte.


Vai al testo della sentenza 586/2014
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(19/01/2014 - Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF