Sei in: Home » Articoli

L'indipendenza economica dei figli maggiorenni giustifica la riduzione dell'assegno di mantenimento

fallimento povero mantenimento crisi equitalia tasse soldi crisi tagli sprechi

di Marco Massavelli - Corte di Cassazione Civile, sezione VI, sentenza n. 24515 del 30 ottobre 2013. Il diritto del coniuge di ottenere un assegno per il mantenimento del figlio maggiorenne convivente è da escludere quando quest'ultimo, ancorché allo stato non autosufficiente economicamente, abbia in passato iniziato a espletare un'attività lavorativa, così dimostrando il raggiungimento di un'adeguata capacità e determinando la cessazione del corrispondente obbligo di mantenimento da parte del genitore, senza che assuma rilievo il sopravvenire di circostanze ulteriori le quali, se pur determinano l'effetto di renderlo privo di sostentamento economico, non possono far risorgere un obbligo di mantenimento i cui presupposti siano già venuti meno. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione Civile, con la sentenza 30 ottobre 2013, n. 24515.

Ai fini della decisione sulle modifiche concernenti il diritto all'assegno di mantenimento è necessario, secondo la Suprema Corte, valutare adeguatamente la situazione occupazionale e reddituale delle parti, rispetto a quella esistente al momento della pronuncia della sentenza di divorzio. La ricorrenza di motivi sopravvenuti, rispetto alla situazione accertata dalla sentenza di divorzio, e relativi alla situazione economica del coniuge obbligato, inizialmente, al versamento dell'assegno di mantenimento per la prole, maggiorenne, ma in stato lavorativo di disoccupazione, conviventi con la madre, alla quale era stata assegnata la casa coniugale, e delle figlie, al conseguimento del loro stato consolidato di indipendenza economica con cessazione della convivenza di queste ultime con la madre, giustificano la richiesta di eliminazione o riduzione dell'assegno corrisposto dal coniuge a titolo di contributo al mantenimento delle figlie maggiorenni e di revoca dell'assegnazione della casa coniugale.



Vai al testo della sentenza 24515/2013
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(03/11/2013 - C.G.)
Le più lette:
» Eredità: 10 cose da sapere per una consapevole pianificazione successoria
» Risarcisce il cliente l'avvocato che dimentica di iscrivere la causa e mente sul punto
» Tradimento: quello "programmato" diventa di moda tra i mariti
» Mobbing e risarcimento danni: come dimostrare di aver subito una persecuzione
» Avvocato censurato se non assolve l'obbligo della formazione
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF