Sei in: Home » Articoli

Cassazione: il giudice non è obbligato a disporre indagini patrimoniali per determinare l'assegno per l'ex coniuge

giudice sentenza
La sesta sezione civile della Corte di Cassazione (sentenza numero n. 22568/2013) ha ricordato che il giudice, quando deve determinare l'importo dell'assegno divorzile, non è obbligato a disporre indagini patrimoniali perché l'esercizio di tale potere è meramente discrezionale. Il giudice è quindi libero di decidere anche senza avvalersi della polizia tributaria se ritiene che le prove acquisite nell'ambito del processo siano sufficienti e complete senza bisogno di informazioni aggiuntive.

Già in precedenza la stessa Corte aveva ricordato (sentenza n. 2098 /2011) che "in tema di determinazione dell' assegno di mantenimento in sede di scioglimento degli effetti civili del matrimonio, l'esercizio del potere del giudice che, ai sensi dell'art. 5, comma 9, della l. n. 898 del 1970, può disporre d'ufficio o su istanza di parte indagini patrimoniali avvalendosi della polizia tributaria, costituisce una deroga alle regole generali sull'onere della prova".
L'esercizio di tale potere - spiega la Corte - è discrezionale e "non può sopperire alla carenza probatoria della parte onerata, ma vale ad assumere, attraverso uno strumento a questa non consentito, informazioni integrative del "bagaglio istruttorio" già fornito, incompleto o non completabile attraverso gli ordinari mezzi di prova".

In buona sostanza il potere di disporre accertamenti tramite polizia tributaria non può essere attivato per fini meramente esplorativi.
(05/10/2013 - A.V.)
Le più lette:
» Sinistri stradali: l'auto va riparata integralmente anche se il danno supera il valore di mercato
» Divorzio: l'ex va mantenuta in nome della solidarietà post-coniugale
» Case cantoniere e stazioni: in gestione gratis agli under40
» Tasso di mora usurario: conversione del mutuo oneroso in gratuito
» Aste giudiziarie: operativo il portale delle vendite pubbliche
In evidenza oggi
Cellulare alla guida: via la patente da subito e multe fino a 2.500 euro. Le novità in arrivoCellulare alla guida: via la patente da subito e multe fino a 2.500 euro. Le novità in arrivo
Sinistri stradali: l'auto va riparata integralmente anche se il danno supera il valore di mercatoSinistri stradali: l'auto va riparata integralmente anche se il danno supera il valore di mercato
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF