Sei in: Home » Articoli

Cassazione: requisiti del verbale redatto dalle autorità per la contestazione differita di violazione del codice della strada

strada multe id9513

di Licia Albertazzi - Corte di Cassazione Civile, sezione seconda, sentenza n. 16555 del 2 Luglio 2013. Il Ministero dell'Interno ricorre avverso la sentenza del Tribunale, il quale, in riforma della sentenza di primo grado emessa dal Giudice di Pace, accoglie l'opposizione ad ordinanza ingiunzione promossa dal privato in merito alla contestazione differita effettuata dalla Polizia Stradale, intervenuta a seguito di incidente mortale. Il giudice d'appello ha rilevato non solo la mancanza di contestazione immediata ma anche difetto di motivazione di contestazione differita posta in essere dalle autorità. Ricorre il Ministero avverso tale sentenza, sottolineando al contrario come nel caso di gravi incidenti stradali sia invece necessario adottare lo strumento della contestazione differita, dovendo le autorità prima procedere ai rilevamenti utili alla ricostruzione della dinamica per poi contestare la violazione al responsabile; sostiene inoltre che nel verbale, ai fini di legge, basterebbe inserire motivazione sintetica del differimento di contestazione.  

Si pronuncia la Suprema Corte rilevando al contrario come, nel caso in oggetto, tale formulazione sia generica e del tutto inidonea. La Cassazione afferma appunto come “occorre, in ogni caso, motivare le ragioni della contestazione differita, ancorchè con motivazione sintetica. Nel caso di specie occorre rilevare (…) che il verbale di contestazione opposto è del tutto privo di motivazione in punto di contestazione differita”. Nella specie il verbale riporta  soltanto la dicitura “incidente stradale con feriti”. La Corte ritiene inoltre priva di vizi la motivazione fornita nella sentenza impugnata dal giudice del merito e, non potendone sindacare le ragioni, rigetta il ricorso.

Vai al testo della sentenza 16555/2013
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(27/07/2013 - Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF