Sei in: Home » Articoli

Insidia stradale, azione ex art. 2043 ed ex art. 2051 cod. civ. a confronto: inversione dell'onere della prova

danno buche stradali

di Licia Albertazzi - Corte di Cassazione Civile, sezione terza, sentenza n. 11946 del 16 Maggio 2013. Un privato, danneggiato da una grata posta su strada pubblica, ha richiesto il risarcimento dei danni all'ente competente sulla base della responsabilità aquiliana ex art. 2043 cod. civ., omettendo di attivare, al contrario, lo strumento processuale diretto offerto dall'art. 2051 cod. civ., responsabilità da cose in custodia, con relativa inversione dell'onere della prova a carico della pubblica amministrazione. Il ricorso a tale strumento giuridico si giustifica nei casi in cui la formazione di insidia stradale, non visibile e non opportunamente segnalata dall'ente gestore del tratto stradale, sia stata causata da una cattiva manutenzione della cosa in custodia.

 

Il giudice di merito ha rigettato la pretesa risarcitoria del privato spiegando che il difetto stradale (nella specie, una grata posizionata sulla pubblica via) sarebbe stato tuttavia visibile se solo il soggetto avesse prestato adeguata attenzione, diligenza misurata sulla base del criterio astratto quanto fumoso e non meglio motivato della “comune esperienza”. Il ricorrente impugna la sentenza adducendo appunto difetto di motivazione della decisione di secondo grado: egli non avrebbe altresì tenuto adeguatamente conto delle prove contrarie prodotte a propria difesa.

 

Il ricorso viene tuttavia rigettato: la Suprema Corte ricorda come, azionando l'art. 2043 cod. civ., sia onere dell'attore provare i fatti alla base della propria pretesa risarcitoria. Nel caso di specie, il privato non avrebbe dimostrato la specifica non visibilità della grata. “L'insidia stradale non è un concetto giuridico, ma un mero stato di fatto che, per la sua oggettiva invisibilità e per la sua conseguente imprevidibilità, integra una situazione di pericolo occulto. Tale situazione, pur assumendo grande importanza probatoria in quanto può essere considerata dal giudice idonea ad integrare una presunzione di sussistenza di nesso eziologico con il sinistro e della colpa del soggetto tenuto a vigilare sulla sicurezza del luogo, non esime il giudice dall'accertare in concreto la sussistenza di tutti gli elementi previsti dall'art. 2043 c.c.”. Il comportamento colposo tenuto dal ricorrente viene considerato dalla Cassazione come idoneo ad interrompere il nesso causale intercorrente tra condotta ed evento, escludendo quindi il ravvisarsi di responsabilità in capo alla pubblica amministrazione.

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(27/05/2013 - Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Avvocati: fino a mille euro per ogni figlio
» Quali beni non possono essere pignorati?
» Giovani avvocati: fino a tremila euro per master e titoli
» Anatocismo: cacciato dalla porta, torna dalla finestra
» Condominio: per la telecamera sulle parti comuni l'unanimità non serve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF