Sei in: Home » Articoli

Cassazione: requisito dell'iscrizione nelle liste di collocamento e benefici fiscali ex l. 449/1997

lavoro lavoratore licenziamento strada

di Licia Albertazzi - Corte di Cassazione Civile, sezione quinta tributaria, sentenza n. 10774 dell'8 Maggio 2013. La legge 449/1997 (misure per la stabilizzazione della finanza pubblica) ha introdotto nel nostro ordinamento benefici fiscali per le aziende che trasformino il contratto del personale interno all'azienda in tempo indeterminato. Nel caso di specie l'Agenzia delle Entrate promuove ricorso avverso un'azienda che ha usufruito di detti benefici fiscali convertendo il contratto di alcuni suoi dipendenti i quali, tuttavia, non sarebbero stati previamente iscritti alle liste di collocamento, così come dispone la legge sopra citata.

 

La Suprema Corte tuttavia sottolinea come il regime delle agevolazioni per investimenti in nuova occupazione sia stato nel tempo modificato dall'emanazione di circolari e decreti del Ministero delle Finanze che hanno esteso l'applicabilità di tale normativa ad ipotesi che esulassero dalle due specifiche previste nella legge: incremento del numero di dipendenti a tempo pieno e indeterminato; che siano iscritti a liste di collocamento o mobilità oppure usufruiscano della cassa integrazione guadagni. Così “il requisito della novità del rapporto di lavoro non deve essere inteso in senso assoluto, avendo comunque l'art. 4 l. 449/1997 conferito rilievo strategico al valore incrementativo dell'occupazione. “Ne consegue la illegittimità della revoca del credito d'imposta fondata (…) sull'omesso rinvenimento della previa iscrizione alle liste di collocamento dei dipendenti poi trasformati in assunti a tempo indeterminato, trattandosi di requisito non necessario ed incompatibile con la preesistenza in capo agli stessi di altro rapporto di lavoro a tempo determinato, benché sorto prima dell'entrata in vigore della l. 449/1997”.

Vai al testo della sentenza 10774/2013
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(18/05/2013 - Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF