Sei in: Home » Articoli

Azione revocatoria: Cassazione, se coniuge vende da solo casa in comunione legale non serve chiamare in giudizio l'altro coniuge

giudice sentenza martello cassazione
Se un coniuge ha venduto da solo un bene immobile oggetto della comunione, l'altro coniuge che non ha partecipato alla formazione contratto deve essere considerato litisconsorte necessario solo nel caso in cui nel giudizio si chiede al giudice una decisione che incide direttamente sul suo diritto.

Negli altri casi non si può ritenere sussistente il iris consorzio necessario se la domanda incide direttamente sulla validità ed efficacia del contratto.

È quanto afferma la terza sezione civile della corte di cassazione (sentenza numero 2082/2013).

Il caso preso in esame dei giudici di piazza riguarda un contenzioso in cui era stata richiesta una condanna risarcimento dei danni nonché la revoca, ai sensi dell'articolo 2901 del codice civile, di un atto di compravendita di alcuni immobili tra cui una casa di civile abitazione.

La domanda era stata accolta in primo grado, sia per quanto riguarda il risarcimento del danno sia per quanto riguarda la dichiarazione di inefficacia relativa della vendita. Successivamente la corte d'appello aveva però dichiarato nulla la sentenza per mancata integrazione contraddittorio nei confronti del coniuge della parte che aveva stipulato la compravendita.

Va ricordato che secondo la Cassazione, i beni in regime di comunione legale possono essere venduti da uno solo dei coniugi anche senza il consenso dell'altro coniuge il quale però può opporsi chiedendo la reintegrazione della comunione ed agire per l'annullamento dell'atto.
Vai al testo della sentenza 2082/2013
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(10/02/2013 - A.V.)
Le più lette:
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF