Sei in: Home » Articoli

Alt al Riccometro. Per ora.

licenziato licenziamento
di Barbara LG Sordi -
Quello di ieri doveva essere un CdM al cardiopalma per milioni di italiani, almeno sulla carta. Forse anche per chi nemmeno sapeva che fosse all'ordine del giorno l'approvazione definitiva del nuovo Isee, già ribattezzato da tutti i giornali Riccometro.

La votazione era stata messa in agenda senza che fossero passati i canonici 30 giorni previsti dalla legge in caso di emendamenti su un ddl (bensì solo 7), con la motivazione che non essendoci stata intesa una settimana fa (la Lombardia non aveva dato voto favorevole), registrata e messa a verbale, non era prevista riapertura al dibattito. Il tutto per evitare un avvicinamento in zona "fine Governo", che non avrebbe agevolato le decisioni. E invece quella che doveva appunto essere un'approvazione in urgenza, e che tutti davano ormai per scontata, è saltata, per la mancata presenza di figure fondamentali, alias Ministra del Welfare Elsa Fornero.

Slitterà dunque al prossimo Consiglio la definitiva approvazione del nuovo Isee, che come già avevamo accennato su queste pagine, rivoluzionerà il concetto di povertà in Italia. Che poi direi che lo è già stato, abbondantemente, nell'ultimo anno; dato che mai come ora la povertà è in aumento. Meno agevolazioni o sostegni al reddito a chi non se le merita realmente, così da porre fine (come spera l'Inps) alla distribuzione di benefit (assegni di maternità, sconti sulle bollette energetiche e telefoniche, sgravi sulle rette scolastiche e universitarie, ecc.) anche a chi le possibilità economiche le ha.

Con i nuovi calcoli non sarà più possibile "giocare" sulla composizione del nucleo familiare per ottenere agevolazioni, inutile dunque per i coniugi avere residenze diverse per vedersi attribuire un reddito unico (naturalmente puntando a quello più basso), bisognerà dimostrare di essere separati legalmente. Nella compilazione si richiederanno poi anche dati relativi al proprio patrimonio immobiliare e non: dagli investimenti al possesso di auto/ moto/ barche oltre una certa cilindrata. Insomma un'indagine a tutto tondo, che sarà incrociata con i dati del Fisco.

Al momento come detto possiamo dormire tranquilli, ma a breve potrebbero iniziare gli incubi per chi vuole agevolazioni, anche minime. Potrebbe rischiare di ritrovarsi catalogato come un nuovo Paperone. E senza saperlo!
Email barbaralgsordi@gmail.it
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(02/02/2013 - Barbara LG Sordi)
Le più lette:
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
» Trenitalia: treni "nascosti" per fare acquistare i viaggi più cari, Antitrust apre istruttoria
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF