Sei in: Home » Articoli

Federconsumatori, il crollo dei consumi influirà pesantemente sul PIL del 2012

mercato consumi frutta crisi codacons
Federconsumatori considera le prime stime relative al PIL del 2012 al pari de “la scoperta dell'acqua calda”: secondo l'associazione, infatti, sarebbe sufficiente guardare l'entità del potere d'acquisto delle famiglie e l'andamento dei consumi per comprendere la drammaticità delle prospettive economiche del paese. Attraverso il comunicato Federconsumatori ha messo particolarmente in evidenza come i consumi siano in forte calo anche nel settore alimentare, che solitamente non viene mai intaccato dalla crisi: i dati parlano di una diminuzione del 4,8% nel 2011, che in termini monetari ammonta a -6,3 miliardi di euro, con una spesa ridotta di 264 euro annue a famiglia. In diminuzione dal 2009 anche l'indebitamento nel settore del credito a consumo, poiché le incertezze economiche causate da licenziamenti e cassa integrazione porterebbero le famiglie a non comprare più, neppure a rate, con conseguenze pessime secondo Federconsumatori per l'intera economia: il PIL potrebbe quindi rivelarsi ancora più al di sotto delle stime che lo attesterebbero al -2%. “Per evitare questa drammatica prospettiva è urgente metter in campo strumenti per il rilancio dell'economia, basato su investimenti per la ricerca e l'innovazione, oltre che misure per il recupero del potere di acquisto a vantaggio esclusivamente delle famiglie a reddito fisso”, sostiene Federconsumatori, che invita nuovamente il Governo a non prendere in considerazione l'ipotesi di aumentare l'IVA a settembre.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(26/03/2012 - A.V.)
Le più lette:
» In arrivo il "congedo mestruale"
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Autovelox: nei centri abitati serve la pattuglia
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF