Sei in: Home » Articoli

Adoc: adeguato l'indennizzo di 14,000 euro per i passeggeri della Costa Concordia

nave crociera naufragio
Mentre il Codacons ha definito “elemosina” il risarcimento danni proposto da Costa Crociere e Astoi ai passeggeri della Costa Concordia, l'Adoc lo definisce come uno “storico accordo” tra il Comitato Naufraghi Concordia, di cui l'Adoc è membro, è la compagnia navale. L'indennizzo, di 11,000 euro più circa 3,000 euro di rimborsi per le spese sostenute, inclusa la quota per la crociera di adulti e bambini, sarebbe quindi abbastanza per l'associazione capitanata dal presidente Carlo Pileri, che definisce il risarcimento come “una vera class action stragiudiziale, che risarcisce anche il danno biologico per stress e vacanza rovinata in modo congruo”. Pileri ha inoltre aggiunto che si tratterebbe di “un accordo democratico”, raggiunto, stando alle parole del comunicato stampa riportato dall'associazione,dopo 16 ore ininterrotte di trattative tenendo conto non solo del codice del turismo italiano, ma anche delle normative vigenti in altri paesi, considerando le varie nazionalità da cui provengono coloro che hanno purtroppo preso parte alla tragedia della Concordia. Il risarcimento è valido per tutti, a prescindere da chi ha fatto causa o meno, ed è ottenibile, sia per gli italiani che per gli stranieri, entro una settimana dall'accettazione, senza risvolti legali e lunghi tempi di giudizio. Secondo l'Adoc, l'adesione all'accordo riguarda circa l'85% degli interessati complessivi, ovvero 3,000 passeggeri, di cui 900 italiani, provenienti da 60 nazionalità diverse.
Per coloro che hanno subito danni fisici è prevista, invece una trattativa individuale.
(28/01/2012 - N.R.)
Le più lette:
» Trattamento fine rapporto: il calcolo online e il calcolo manuale
» La domanda riconvenzionale nel giudizio ordinario
» Strisce blu, sosta gratis se non c'è il bancomat: ecco il testo della sentenza e l'intervista allo studio legale che ha vinto la causa
» Avvocati di strada: è boom di richieste per i legali gratuiti
» Avvocati: cos'è e come funziona la card per girare in Europa
In evidenza oggi
Ogni causa è incerta... e l'avvocato non lavora mai gratisOgni causa è incerta... e l'avvocato non lavora mai gratis
Il dictum della Cassazione: è reato mettere le corna in casa alla moglie!Il dictum della Cassazione: è reato mettere le corna in casa alla moglie!
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF