Sei in: Home » Articoli

Adiconsum, con le liberalizzazioni il risparmio è di 1000 euro a famiglia Contenuto approvato

euro soldi crisi fallimento
Adiconsum ha valutato che il risparmio medio di cui potrà usufruire ogni famiglia grazie al processo di liberalizzazione messo in atto dal Governo potrebbe essere di ben 1000 euro, una somma consistente in un periodo nero per i portafogli dei cittadini, tartassati a partire da quest'anno da rincari su ogni fronte. Pietro Giordano, segretario generale di Adiconsum, si augura che nessuno interrompa questo processo di liberalizzazione, che permetterebbe alle famiglie di avere qualcosa in più in tasca a fine anno per diversi motivi: i 1000 euro di risparmio annuali scaturirebbero infatti da un risparmio di 70 euro per spese farmaceutice, 350 euro per la liberalizzazione del commercio, 250 euro per la liberalizzazione dei carburanti e 400 euro per la liberalizzazione delle professioni. “Per ottenere tale risultato è necessario liberalizzare e non privatizzare gli asset fondamentali e necessari per lo sviluppo del nostro Paese”, sostiene Giordano, alludendo a come in tempi non sospetti le privatizzazioni abbiano appesantito notevolmente i consumatori a danno poi dell'economia del paese. Secondo il segretario di Adiconsum, le strutture e aziende pubbliche, siano esse ferroviare, telefoniche ed energetiche, dovrebbero rimanere tali e non essere privatizzate, e se le aziende che si avvalgono dei loro servizi pagassero sempre allo Stato quanto dovuto, lo Stato stesso potrebbe poi provvedere agli investimenti e allo sviluppo delle stesse. Tutto dovrebbe avvenire, conclude Pietro Giordano, sotto il controllo delle istituzioni e delle associazioni dei consumatori migliorando lo strumento class action, così che si possa procedere ad una liberalizzazione sicura a tutela dei consumatori.
(19/01/2012 - A.V.)
Le più lette:
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Avvocati: quali sanzioni in caso di mancato preventivo?
» Niente avvocati esterni per l'Agenzia Entrate Riscossione
» Avvocati contro la violenza sulle donne: il progetto Travaw
» Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
In evidenza oggi
Divorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euroDivorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euro
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF