Sei in: Home » Articoli

Cassazione: l'intercettazione per un reato è utilizzabile per altri illeciti connessi

Con la sentenza n. 34735, depositata il 26 settembre 2011, la Corte di Cassazione ha stabilito che l'intercettazione legittima per un reato è utilizzabile per gli illeciti connessi nello stesso procedimento. In particolare la Corte ha spiegato che sia la lettera sia il contesto sistematico delle norme contenute negli articoli 266 e 270 Cpp impongono di ritenere che quando l'intercettazione è legittimamente autorizzata all'interno di un determinato procedimento nel quale si tratta di uno dei reati ex articolo 266 Cpp, i suoi esiti sono utilizzabili anche per tutti gli altri reati trattati nel medesimo procedimento, senza condizione alcuna; mentre, quando si tratta di reati oggetto di diverso procedimento, l'utilizzazione è subordinata alla sussistenza dell'articolato parametro indicato espressamente dall'articolo 270 Cpp (indispensabilità e obbligatorietà, dell'arresto in flagranza).
Scarica il testo della sentenza 34735/2011
(30/09/2011 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Le chat su WhatsApp valgono come prova
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Avvocati: i termini di decadenza dei contributi alla Cassa Forense
» Scuola: anche gli avvocati in coda per fare i supplenti
In evidenza oggi
Unioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoptionUnioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoption
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF