Cassazione: polizia municipale può ridurre multe grossolane degli ausiliari del traffico

polizia multa multe vigile
Con la sentenza n. 30431, depositata l'1 agosto 2011 la Corte di Cassazione ha escluso l'integrazione del reato di abuso di ufficio a carcio della Polizia municipale e dei dirigenti comunali che intervengono per ridurre multe grossolanamente effettuate dai ausiliari del traffico se non vengono provati i rapporti tra gli agenti e i contravventori. I giudici hanno infatti spiegato che di fronte all'accertata situazione di difficoltà amministrativa creata nella gestione del servizio contravvenzioni del Comune da diffusi malumori e atteggiamenti di protesta nella cittadinanza dopo l'affidamento degli accertamenti sulla regolarità della circolazione stradale agli ausiliari del traffico, criticati per l'eccessiva rigidità, deve essere esclusa la configurabilità del reato di abuso d'ufficio a carico dei dirigenti della polizia municipale e dell'ente locale intervenuti per sopprimere o sostituire alcuni verbali di sanzioni amministrative, riducendone l'importo, laddove manca l'accertamento di rapporti fra gli agenti e i contravventori coinvolti, soprattutto a fronte della grossolanità degli interventi sanzionatori effettuati dal personale ausiliario.
Scarica il testo della sentenza 30431/2011
(15/08/2011 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Avvocati: cassazionisti senza esami per tutti gli iscritti ante riforma
» Avvocati: albi online senza segreti
» Tribunale di Fermo: inammissibili i capitoli di prova se contengono le parole "vero che". Tu cosa pensi?
» Padre immaturo? Il figlio va con la madre
» Affitto: la cauzione va restituita anche in caso di danni
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF