Sei in: Home » Articoli

Separazione: Cassazione, non serve un nuovo provvedimento per ottenere dall'altro coniuge il contributo a spese mediche e scolastiche sopravvenute

Con la sentenza n. 11316 depositata il 23 maggio 2011 la Corte di Cassazione ha stabilito che il provvedimento con cui in sede di separazione viene stabilito, ex art. 155, co. 2 c.c., in che modo il genitore non affidatario contribuirà al pagamento delle spese mediche e scolastiche relative ai figli, costituisce titolo esecutivo. Secondo infatti i giudici di legittimità della terza sezione civile, tale provvedimento in sede di separazione (non importa se consensuale o giudiziale, ovvero se provvisorio o definitivo, oppure se presidenziale) non richiede, nell'ipotesi di non spontanea ottemperanza da parte dell'obbligato e al fine di legittimare l'esecuzione forzata, un ulteriore intervento del giudice, qualora il genitore creditore possa allegare e opportunamente documentare l'effettiva sopravvenienza degli specifici esborsi contemplati dal titolo e la relativa entità. La Corte ha poi precisato che rimane “impregiudicato, beninteso, il diritto dell'altro genitore di contestare - ex post ed in sede di opposizione all'esecuzione, dopo l'intimazione del precetto o l'inizio dell'espropriazione - la sussistenza del diritto di credito per la non riconducibilità degli esborsi a spese necessarie o per violazione delle modalità di individuazione dei bisogni del minore”. I giudici di Piazza Cavour ha così rigettato il ricorso del genitore non affidatario che aveva eccepito la carenza di valido titolo esecutivo, dovendosi ravvisare quest'ultimo nel provvedimento di determinazione delle modalità di contribuzione alle spese per i figli affidati ad uno solo dei genitori.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(04/06/2011 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF