Giuramento decisorio e giuramento suppletorio

Giuramento decisorio e giuramento suppletorio

Un'altro importante mezzo di prova (di fatto poco in uso) è costituito dal giuramento della parte (233 ss cpc).
Il codice prevede due forme di giuramento: il giuramentro decisorio e il giuramento suppletorio.
Il primo può servire alla parte per provare i propri assunti nel caso in cui non abbia a disposizione altri mezzi di prova. In tal caso l'altra parte se si dichiara pronta a prestare il giuramento lo presteràò davanti al gliudice e dovrà rispondere a determinate domande. Se accetta di giurare dovrà necessariamente dire la verità giacchè in difetto eventuali false dichiarazioni costituiscono reato.
Ma colui a

cui è stato deferito il giuramento ha anche la facoltà di riferirlo all'altra parte, ossia chiedere che sia l'altra parte a giurare su determinati fatti.
In ogni caso il giuramento ha valore di prova legale e pertanto le dichiarazioni rese dalla parte saranno considerate piena prova di fatti specifici dal giudice.
Anche se in linea di massima chi ha deferito un giuramento all'altra parte no può revocarlo dopo che l'altra parte si è dichiarata pronta a prestarlo può capitare che il giudice nell'ammettere il giuramento decisorio abbia modificato la formula proposta dalla parte. In tal caso la parte può revocare il deferimento del giuramento.
Eventuali contestazioni circa l'ammissione del giuramento decisorio sono decise dal collegio.
Se la parte che deve rispondere al giuramento decisorio non si presenta senza giustificato motivo all'udienza  o rifiuta di prestarlo o non lo riferisce all'avversario, risulterà soccombente rispetto alla domanda o al punto di fatto relativamente al quale il giuramento è stato ammesso.
Il giuramento suppletorio a differenza di quello decisorio, viene deferito d'ufficio dal giudice quando dopo l'istruttoria le domande e le eccezioni delle parti pur non essendo del tutto sguarnite di prova, non sono pienamentre dimostrate.
Fa parte poi del giuramento suppletorio anche il giuramento cd "estimatorio" che viene deferito quando non c'è la possibilità di accertare in altro modo il valore della cosa domandata.  In questo caso il giudice deve anche determinare la somma fino a concorrenza della quale il giuramento avrà efficacia.
A differenza del giuramento decisorio quello suppletorio non può essere riferito all'altra parte.

 

Salva questa pagina in PDF
Arricchisci questa guida con un tuo commento:
blog comments powered by Disqus