Ripartizione delle spese

Seguici su Facebook e su G. Plus
Indice della guida
Indice della guida sulla comunione:
  1. La nozione di comunione
  2. Tipi di comunione
  3. Diritti dei comunisti
  4. Atti di disposizione del bene e doveri dei comunisti
  5. Il condominio negli edifici
  6. Rapporti tra comunione e condominio
  7. Le tabelle millesimali
  8. Ripartizione delle spese
  9. L'amministratore condominiale
  10. Il regolamento condominiale
  11. La riforma del condominio

Indice della guida al condominio:
+ I IL CONDOMINIO IN GENERALE
+ II LE PARTI COMUNI Art. 1117 c.c.
+ III LA RIPARTIZIONE DELLE SPESE
+ IV GLI ORGANI DEL CONDOMINIO
+ V IL CONDOMINIO E L’AUTORITA’ GIUDIZIARIA
+ VI IL REGOLAMENTO DI CONDOMINIO

Vedi anche:
» Articoli e sentenze in materia di condominio » Guida al condominio
» Altre guide legali

La ripartizione delle spese tra i vari condomini rappresenta, statisticamente, la maggiore fonte di liti giudiziarie (e non solo giudiziarie!) nell'ambito della materia di cui trattasi.

Il primo articolo che indica i parametri cui fare riferimento in proposito è l'articolo 1123 del codice civile, il quale indica ben tre criteri di ripartizione. Il primo di essi è quello della proporzionalità rispetto al valore delle singole porzioni: il primo comma, difatti, stabilisce che, salvo diversa convenzione, “le spese necessarie per la conservazione e per il godimento delle parti comuni dell'edificio, per la prestazione dei servizi nell'interesse comune e per le innovazioni deliberate dalla maggioranza sono sostenute dai condomini in misura proporzionale al valore della proprietà di ciascuno”. Il secondo criterio è dettato in riferimento a quelle cose comuni che sono destinate a servire i condomini in misura diversa; ebbene, in tali casi, la ripartizione delle spese è operata in proporzione dell'uso che ciascuno può farne (utilità potenziale). L'ultimo criterio individuato dall'art. 1123 c.c. è applicabile esclusivamente per i condomini di maggiori dimensioni, i quali siano dotati di una pluralità di scalinate, cortili, lastrici solari, opere o impianti destinati a servire solo una parte dell'intero fabbricato: in queste ipotesi il parametro di base è quello “della destinazione esclusiva”, nel senso che gli oneri di manutenzione sono accollati tutti a carico del solo gruppo di condomini che ne trae utilità.

Alcuni articoli successivi rappresentano delle peculiari applicazioni dei principi e dei parametri appena visti. Si pensi, ad esempio, all'articolo 1124, circa la manutenzione delle scale, all'articolo 1125 sui solai e all'articolo 1126 sui lastrici solari di uso esclusivo: per tali categorie di parti comuni il codice ha individuato un criterio che potremmo definire “misto”, dato che viene preso in considerazione tanto il valore millesimale quanto l'uso potenziale.

« Le tabelle millesimali L'amministratore condominiale »
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
Arricchisci questa guida con un tuo commento:
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss