Elementi e requisiti degli atti amministrativi

Seguici su Facebook e su G. Plus
Indice della guida
Indice della guida di diritto amministrativo
A cura di Maria Luisa Foti
Modifica questa guida

Elementi e requisiti degli atti amministrativi

L’atto amministrativo contiene elementi essenziali necessari per la esistenza giuridica dell’atto. Questi elementi sono l’intestazione, che contiene l’indicazione dell’autorità che lo emette; il preambolo, in cui vengono inserite le leggi in base a cui l’atto è stato adottato e delle attestazioni relative agli atti preparatori; la motivazione, con una parte descrittiva in cui la P.A. indica gli interessi coinvolti nel procedimento e con una parte valutativa, in cui la P.A. emette un giudizio comparativo sugli interessi coinvolti dall’esercizio del potere, spiegando le ragioni per le quali ha preferito soddisfare un interesse piuttosto che un altro; un dispositivo, la parte precettiva dell’atto in cui viene messa per iscritto la volontà dell’amministrazione; il luogo in cui è stato emanato il provvedimento; la data e la sottoscrizione dell’autorità che firma l’atto o di quella delegata. Gli elementi accidentali e cioè quelli solo eventuali, hanno la funzione di ampliare il contenuto dell’atto e possono essere inserititi solo negli atti discrezionali, a patto che non alterino il contenuto dell’atto Questi elementi sono il termine, che indica il momento dal quale deve avere inizio l’efficacia dell’atto o quello che indica la data di cessazione degli effetti dello stesso (termine iniziale e termine finale).


Può essere apposto solo in quegli atti per cui la legge non predisponga diversamente. La condizione si può apporre a tutti gli atti di amministrazione attiva e di controllo, è diretta a subordinare l’inizio o la cessazione dell’efficacia dell’atto al verificarsi di un evento futuro e incerto. L’onere, si appone alle autorizzazioni, concessioni o licenze e cioè a tutti quegli atti che determinano un ampliamento della sfera giuridica del destinatario. Infine abbiamo le riserve, con cui la P.A. si riserva di adottare futuri provvedimenti in relazione all’oggetto dell’atto emanato. I requisiti possono invece incidere sull’efficacia o legittimità dell’atto. I requisiti di legittimità incidono sulla validità del provvedimento e possono determinare l’annullabilità dello stesso. Quelli di efficacia sono necessari affinché l’atto spieghi i suoi effetti.

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
Arricchisci questa guida con un tuo commento:
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss