Calcolo IMU online

Da questa pagina è possibile procedere al calcolo dell'IMU compilando questo semplice form. Sotto al form una guida sui criteri utilizzati per il calcolo e l'indicazione delle principali scadenze.

Strumento per il calcolo dell'IMU
Destinazione d'uso
Rendita Catastale (Euro)

Se non conosci la Rendita Catastale clicca qui
Se vuoi richiedere una visura clicca qui
Fabbricato dichiarato
Di interesse storico o inagibile
Abitazione principale?
Aliquota
%
NB: Aliquota base. Verifica
Mesi di Possesso
(Numero di mesi durante i quali si è protratto il possesso)
Quota di Possesso
(percentuale di possesso
su cui calcolare l'IMU)

%
Altri proprietari
(Possessori che utilizzano immobile come abitazione principale)
Numero figli conviventi
(Figli conviventi di età fino a 26 anni)
Coniuge con diritto alla detrazione?
Si   No
Detrazione
Totale acconti già pagati

Breve guida al calcolo dell'IMU: come si calcola l'IMU

L'IMU, Imposta Municipale Unica, è entrata in vigore nel 2012 per sostituire l'abolita ICI ed è un'imposta che colpisce tutti gli immobili, la casa di residenza, le abitazioni secondarie, i locali commerciali, produttivi, agricoli e i terreni.
La legge ha stabilito delle aliquote di riferimento diverse in base ai vari tipi di immobili, lasciando però alla discrezione dei Comuni la facoltà di diminuirle o innalzarle secondo i bisogni di cassa, quindi per conoscere le aliquote da applicare occorre informarsi presso il comune dove sono siti terreni ed edifici. Un altro dato essenziale è la rendita catastale e se non se ne conosce il valore si può richiedere gratuitamente una visura, ma i dati risalgono agli anni '90 e sono ancora espressi in lire, perciò devono essere convertiti in euro (per la conversione è sufficiente dividere per 1936,27).

A questo punto occorre rivalutare del 5% la rendita, cioè la si deve moltiplicare per 5 e dividere per 100 e addizionare il risultato ottenuto.
Questo procedimento va eseguito per qualsiasi tipo di immobile, quindi bisogna moltiplicare la rendita rivalutata per un coefficiente che è diverso secondo la destinazione d'uso. Tutte le rendite di:
- Abitazioni e delle loro pertinenze vanno moltiplicate per 160
- Laboratori, palestre e stabilimenti balneari hanno come coefficiente 140
- Uffici, banche 80
- Fabbricati industriali 60
- Negozi 55

Si trova così la base imponibile sul quale è possibile applicare l'aliquota stabilita dal comune e si trova l'importo dell'imposta lorda che deve essere poi rapportato ai mesi o alla quota di possesso dell'immobile, quindi se ad esempio si ha una casa cointestata con il coniuge l'imposta va divisa in due parti uguali.
Nel caso di abitazione principale e delle sue pertinenze la legge stabilisce che si possa applicare una detrazione di 200 euro che deve essere rapportata alla quota o ai mesi di possesso, quindi per i coniugi cointestatari la detrazione sarà di 100 euro ciascuno. E' inoltre prevista un'ulteriore di detrazione di 50 euro per ogni figlio convivente di età inferiore ai 26 anni fino a un massimo di 400 euro (i cointestatari divideranno a metà anche questo importo).

A questo punto si è determinata l'IMU annuale che va divisa in due o tre parti, secondo che si scelga di pagare in due o tre rate.
Al momento del versamento dell'ultima rata, a dicembre, sarà necessario operare un conguaglio se il Comune ha mutato le aliquote. In questo caso occorre ricalcolare l'IMU con il metodo sopraesposto e sottrarre la cifra già versata in acconto.

L'IMU va versata in banca o in posta dopo aver compilato l'apposito modello F24.

Le scadenze dell'IMU

Il Ministero dell'Economia con una nota ha ricordato ai contribuenti le scadenze dell'IMU, eccole:

Il 31 ottobre 2012 è la data ultima entro la quale i Comuni potevano deliberare sulle varie aliquote dell'IMU. Qualora non avessero provveduto i contribuenti potranno calcolare l'imposta secondo quanto stabilito nell'articolo 13 del decreto n. 201 del 2011 e cioè lo 0,4% per l'abitazione principale e le sue pertinenze, lo 0,76% per gli immobili dove non si risiede e lo 0,2% per i fabbricati rurali ad uso delle aziende agricole e dei coltivatori diretti.

Il 30 novembre è la data ultima per presentare la dichiarazione IMU per gli immobili che sono sorti dopo il primo gennaio 2012.

Il 17 dicembre è l'ultimo giorno in cui è possibile versare il saldo IMU per il 2012, dopo questa data occorrerà applicare una maggiorazione.

Il pagamento dell'IMU, da effettuarsi in banca o in posta, deve avvenire contestualmente con la consegna del modello F24. Si ricorda che di tale modello deve essere compilata la sezione "Imu e altri tributi locali", suddivisa in diverse colonne.
Nella prima si deve indicare il codice catastale del comune, quindi si deve apporre una crocetta su "saldo", indicare il numero degli immobili e poi si deve scrivere il codice del tributo. Bisogna porre la massima attenzione e consultare le apposite tabelle perché i codici sono numerosi; per la prima casa e le sue pertinenze è 3912, mentre per tutti gli altri immobili si deve dimezzare l'importo Imu da pagare e riportare le due cifre su due righe diverse con accanto una prima volta il codice relativo all'imposta destinata allo stato e quindi quella destinata al comune.

E se non si è provveduto al versamento dell'IMU a giugno?
Con il ravvedimento operoso si può sanare la propria posizione senza aspettare l'accertamento d'autorità che impone una sanzione del 30% più gli interessi per i giorni di ritardo e si pagano sanzione e interessi ridotti scegliendo questo procedimento.
Ecco come fare.
Si calcola l'importo dell'IMU non versato, quindi si calcola la sanzione che ammonta al 3,75% dell'importo e poi gli interessi 2,5%. Si ricorda che per calcolare gli interessi occorre contare i giorni che vanno dal 18 giugno fino al giorno del versamento, quindi si moltiplicano per l'imposta e e per il tasso (2,5). Il risultato ottenuto va diviso per 36.500 e quindi sommato alla sanzione e all'imposta non versata.
Questo totale va pagato utilizzando il modello F24 barrando la casella che indica "ravvedimento", i codici tributo da utilizzare sono gli stessi, ma è utile ricordare che se avete dimenticato di pagare l'IMU è vostro interesse provvedere il prima possibile al versamento: ogni giorno trascorso aumenta l'importo degli interessi.

Seguici:
Print Friendly and PDF

Arricchisci questa guida con un tuo commento:
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss