Sei in: Home » Articoli

La responsabilità professionale dell'avvocato: guida con giurisprudenza

Dal dovere di dissuadere il cliente se la causa è infondata agli oneri probatori a carico del cliente. In allegato la raccolta di articoli e sentenze
Bilancia che esprime il concetto di giustizia
Avv. Laura Bazzan - Nell'esecuzione del contratto d'opera professionale, l'avvocato è tenuto a mantenere una diligenza commisurata al tipo di prestazione richiestagli che comporta, in ogni caso, secondo quanto precisato dalla Cassazione con sentenza n. 6782/2015, il dovere di assolvere anche ai doveri di sollecitazione, dissuasione ed informazione del cliente, cui l'avvocato deve ottemperare rappresentando al proprio assistito "tutte le questioni di fatto e di diritto, comunque insorgenti, ostative al raggiungimento del risultato, o comunque produttive del rischio di effetti dannosi" e sconsigliandolo "dall'intraprendere o proseguire un giudizio dall'esito probabilmente sfavorevole" (conf. Cass. 14597/2004).

La responsabilità dell'avvocato in caso di strategia condivisa con il cliente

Pur riconoscendo che l'obbligo di informazione imposto al professionista è finalizzato al conseguimento di un consenso informato da parte del cliente, la giurisprudenza di legittimità ha al contempo ritenuto quest'ultimo normalmente non in grado di valutare regole e tempi processuali; di conseguenza, come chiarito con sentenza n. 10289/2015, la responsabilità dell'avvocato sussiste anche in caso di strategia condivisa con il proprio assistito o quando sia lo stesso cliente a sollecitare il ricorso a determinati mezzi difensivi "essendo compito esclusivo del legale la scelta della linea tecnica nella prestazione dell'attività professionale" (conf. Cass. 20869/2004).

La responsabilità per omissione di indicazione delle prove

Poiché l'adempimento del mandato comporta lo svolgimento di tutte le attività utili per la tutela dell'assistito, la Suprema Corte con sentenza n. 25963/2015 ha stabilito che configura un grave inadempimento, con conseguente risoluzione del contratto e condanna al risarcimento del danno, la condotta dell'avvocato che ometta di indicare le prove indispensabili per l'accoglimento della domanda, salvo che questi "dimostri di non aver potuto adempiere per fatto a lui non imputabile o di aver svolto tutte le attività che, nel caso di specie, potevano essergli ragionevolmente richieste" (conf. Cass. 8312/2010).

L'onere della prova

Il diritto al risarcimento del danno, invero, non insorge automaticamente quale conseguenza di qualsivoglia inadempimento del professionista dovendosi valutare, sulla base di un giudizio probabilistico, se, in assenza dell'errore commesso dall'avvocato, l'esito negativo per il cliente si sarebbe ugualmente prodotto (cfr. Cass. 297/2015).

Sulla scorta di questo consolidato orientamento, con sentenza n. 1984/2016 la Cassazione ha ribadito che "la responsabilità dell'avvocato non può affermarsi per il solo fatto del suo non corretto adempimento dell'attività professionale, occorrendo verificare se l'evento produttivo del pregiudizio lamentato dal cliente sia riconducibile alla condotta del primo, se un danno vi sia stato effettivamente ed, infine, se, ove questi avesse tenuto il comportamento dovuto, il suo assistito, alla stregua di criteri probabilistici, avrebbe conseguito il riconoscimento delle proprie ragioni, difettando, altrimenti la prova del necessario nesso eziologico tra la condotta del legale, commissiva od omissiva, ed il risultato derivatone" (conf. Cass. 2638/2013).

Assume rilievo dirimente, pertanto, il "difetto allegatorio e dimostrativo circa il danno risarcibile (legato all'anzidetto giudizio prognostico), il quale, per l'appunto, non può essere confuso con l'inadempimento stesso, ma deve essere provato dall'istante quale concreto pregiudizio subito in conseguenza dell'illecito contrattuale" (Cass. 10698/2016).

La diligenza richiesta all'avvocato

L'obbligazione assunta dal professionista, infatti, rimane qualificabile quale obbligazione di mezzi e non già di risultato, di talché, secondo quanto confermato anche con sentenza n. 2954/2016, il grado di diligenza richiesto al professionista ai sensi dell'art. 1176 c.c. è quello medio "a meno che la prestazione professionale da eseguire in concreto involga la soluzione di problemi tecnici di particolare difficoltà: in tal caso la responsabilità del professionista è attenuata, configurandosi, secondo l'espresso disposto dell'art. 2236 c.c., solo nel caso di dolo o colpa grave, con conseguente elusione nell'ipotesi in cui nella sua condotta si riscontrino soltanto gli estremi della colpa lieve" (conf. Cass. 8470/1995).

Il dovere di informazione

Del medesimo avviso la giurisprudenza più recente che ritiene configurabile lo stesso dovere di informativa quale obbligazione di mezzi, diligentemente finalizzata al conseguimento di un risultato utile per il cliente ma non anche certa garanzia del suo effettivo conseguimento, essendo vero "che incombe sul professionista l'onere di fornire la prova della condotta mantenuta, e che al riguardo non è sufficiente il rilascio da parte del cliente delle procure necessarie all'esercizio dello ius postulandi, trattandosi di elemento che non è idoneo a dimostrare l'assolvimento del dovere di informazione in ordine a tutte le circostanze indispensabili per l'assunzione da parte del cliente di una decisione pienamente consapevole sull'opportunità o meno di iniziare un processo o intervenire in giudizio" ma essendo, altresì, vero "che l'attività di persuasione del cliente al compimento o non di un atto, ulteriore rispetto all'assolvimento dell'obbligo informativo, è concretamente inesigibile, oltre che contrastante con il principio secondo cui l'obbligazione informativa dell'avvocato è un obbligazione di mezzi e non di risultato" (Cass. 7708/2016).

Una raccolta di articoli e sentenze in materia di responsabilità professionale dell'avvocato

Avvocati: sempre responsabile il legale che non informa il cliente
Laura Bazzan - 11/06/16 - Avv. Laura Bazzan - Con la sentenza n. 147 del 24 settembre 2015, recentemente pubblicata sul proprio sito e qui sotto allegata, i...

Cassazione: causa infondata? L'avvocato è responsabile se non ha dissuaso il cliente
Marina Crisafi - 15/05/16 - di Marina Crisafi – Se l'avvocato promuove una causa completamente infondata è sempre responsabile. Non basta, per andare esent...

Avvocati: niente responsabilità per il legale che dimentica di citare i testi, se non incide sull'esito della causa
Valeria Zeppilli - 06/05/16 - di Valeria Zeppilli – Anche quando omette di citare un teste rilevante, l'avvocato non è responsabile nei confronti del cliente ...

Avvocati: il mancato raggiungimento del risultato sperato dal cliente non prova la responsabilità professionale
Marina Crisafi - 18/02/16 - di Marina Crisafi - L'inadempimento dell'avvocato "non può essere desunto senz'altro dal mancato raggiungimento del risultato ...

Cassazione: responsabile l'avvocato se non svolge le attività indispensabili per l'accoglimento della domanda
Lucia Izzo - 05/01/16 - di Lucia Izzo - In tema di responsabilità professionale dell'avvocato, il mancato svolgimento di attività indispensabili per l'acc...

Responsabilità degli avvocati: l'assicurazione non paga se il legale non prova che il cliente ha perso la causa per colpa sua
Marina Crisafi - 15/11/15 - di Marina Crisafi - L'avvocato che non riesce a dimostrare che senza il proprio errore il cliente avrebbe vinto la causa, paga ...

Responsabilità dell'avvocato: non basta la prova della negligenza. Il cliente deve dimostrare il nesso causale tra l'errore e il danno
Lucia Izzo - 26/09/15 - di Lucia Izzo - Condanna pesante, in termini economici, per il cliente che recede dal contratto d'opera professionale intercorso c...

L'avvocato è responsabile sotto il profilo disciplinare anche per il fatto del collaboratore
Marina Crisafi - 29/08/15 - L'avvocato è personalmente responsabile per le condotte poste in essere, nell'ambito dell'incarico ad esso affidato, dai suoi c...

Avvocati: scatta la responsabilità per l'errore sulla competenza del giudice se la giurisprudenza è pacifica
Marina Crisafi - 05/08/15 - di Marina Crisafi - È responsabile l'avvocato che sbaglia sulla competenza del giudice, se le regole sono chiare e la giurispru...

Responsabilità dell'avvocato: Cassazione, niente risarcimento al cliente se non dimostra che una condotta diligente avrebbe arrecato un effettivo vantaggio
N.R. - 05/06/15 - La responsabilità professionale dell'avvocato nei confronti del proprio cliente presuppone che sia data la prova del danno e del n...

La responsabilità professionale all'avvocato. Quando il cliente può chiedere il risarcimento
Laura Tirloni - 23/10/14 - di Laura Tirloni - Una domanda che spesso l'avvocato si sente rivolgere dal cliente, già dal primo incontro, è: "Ve...

Cassazione: la responsabilità dell'avvocato va accertata tenendo conto della 'diligenza professionale media esigibile'
A.V. - 05/09/14 - Con sentenza 16690/2014 la Corte di Cassazione ha stabilito ricordato che la responsabilità professionale dell'avvocato, configura...

Cassazione: responsabilità disciplinare dell'avvocato che assume l'incarico contro un ex cliente
Licia Albertazzi - 15/06/14 - di Licia Albertazzi - Corte di Cassazione civile a sezioni unite, sentenza n. 11024 del 20 Maggio 2014. La corte di ca...

AVVOCATO, responsabilità professionale, assicurazione - Quando sorge l'obbligo indennitario: Cass. 5791/2014 (Rel. Marco ROSSETTI)
Law In Action - di P. Storani - 24/04/14 - di Paolo M. Storani - (seconda parte) In data 13 marzo 2014 è stata depositata dalla felice penna del Consigliere Estensore Dott. ...

Cassazione a Sezioni Unite: responsabilità dell'avvocato in tema di assistenza di e contro ex clienti
Licia Albertazzi - 13/04/14 - di Licia Albertazzi - Corte di Cassazione Civile a Sezioni Unite, sentenza n. 8057 del 7 Aprile 2014. L'art. 51, comma seco...

Cass. 5791/2014 (13.3.2014, Est. Marco ROSSETTI): AVVOCATO - Responsabilità professionale - Quando sorge l'OBBLIGO INDENNITARIO dell'assicuratore
Law In Action - di P. Storani - 24/03/14 - di Paolo M. Storani - (parte prima) La cosa buffa è che mentre sto cominciando la prima puntata di questo pezzullo sono le h.11:15...

Cassazione: responsabilità professionale dell'avvocato, criteri di rivalutazione monetaria e liquidazione degli interessi legali
Licia Albertazzi - 24/03/14 - di Licia Albertazzi - Corte di Cassazione Civile, sezione terza, sentenza n. 6347 del 19 Marzo 2014. L'avvocato risponde, ex art...

Responsabilità professionale: Cassazione, se nuovo avvocato non ripropone l'azione la negligenza del collega non da luogo a risarcimento
Luisa Foti - 29/06/12 - In tema di responsabilità civile e in particolare di colpa professionale, con sentenza n. 6277/2012, la Corte ha sancito che se il...

Cassazione: avvocato non è responsabile se non c'è nesso tra comportamento colpevole ed effetto dannoso
Luisa Foti - 23/04/11 - Con la sentenza n. 8309 depositata il 12 aprile 2011, la terza sezione civile della Corte di cassazione ha stabilito che l'avvocat...

La responsabilità dell'AVVOCATO: rischi risarcitori, strumenti di tutela - seminario del Dott. Marco ROSSETTI
Avv. Paolo M. Storani - 07/09/10 - Marco ROSSETTI è un personal trainer: per un avvocato andare ad ascoltarlo è quasi una terapia obbligata. Se ne esce con una molti...
(19/06/2016 - Avv.Laura Bazzan) Foto: 123rf
Le più lette:
» La querela di falso
» Le chat su WhatsApp valgono come prova
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Scuola: anche gli avvocati in coda per fare i supplenti
» Avvocati: i termini di decadenza dei contributi alla Cassa Forense
In evidenza oggi
Multe stradali non notificate: ricorso entro 30 giorni dalla cartellaMulte stradali non notificate: ricorso entro 30 giorni dalla cartella
Unioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoptionUnioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoption
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF