Diritto ed economia

Le modifiche agli Organismi di Investimento Collettivo in Valori Mobiliari

Il Governo intende dare attuazione alla direttiva 2014/91/UE in materia di OICVM
Illustrazione simbolo del trading
di Roberto Paternicò - Gli OICVM sono Organismi di Investimento Collettivo in Valori Mobiliari, quindi, Intermediari finanziari specializzati nell'investimento collettivo in valori mobiliari. Nel nostro ordinamento sono stati introdotti dal decreto legislativo 84/1992 (direttiva 1985/611/CEE) e poi disciplinati dal Testo Unico della Finanza (TUF).

Svolgono attività d'investimento (es. le azioni di società e altri titoli equivalenti, obbligazioni ed altri titoli di debito) dei capitali raccolti presso il pubblico.

Sono soggetti al principio della ripartizione dei rischi per cui le cui quote o le azioni di tali organismi sono riacquistate o rimborsate a carico del patrimonio dell'organismo stesso, su richiesta dei portatori.

Gli OICVM sono equivalenti alla nostra categoria degli OICR (organismo di investimento collettivo del risparmio) che comprendono: i fondi comuni di investimento, le SICAV (società di investimento a capitale variabile) e da ultimo le SICAF (società di investimento a capitale fisso).

Con atto del Governo n. 255, si da attuazione alla direttiva 2014/91/UE in materia e per quanto riguarda le funzioni di depositario, per le politiche retributive e le sanzioni.
Si prevede di apportare modifiche ed integrazioni al TUF per l'integrale applicazione della direttiva, ricorrendo alla normativa secondaria di Consob e dalla Banca d'Italia.
Le stesse Autorità di vigilanza dovranno provvedere, in relazione alle proprie competenze, ad imporre le sanzioni e le altre misure amministrative per le violazioni delle disposizioni dalla direttiva nonché organizzare il ricevimento delle segnalazioni di violazioni, anche, dei dipendenti delle società di investimento, delle società di gestione e dei depositari.
Tra le principali disposizioni s'interviene sui requisiti degli esponenti aziendali e dei partecipanti al capitale, sia per il settore bancario e creditizio sia agli enti operanti nel settore finanziario, richiedendo requisiti di competenza e correttezza ed il divieto di cumulo degli incarichi.
I poteri delle Autorità di Vigilanza (Banca d'Italia e Consob) sono ampliati per la rimozione di uno o più esponenti aziendali per specifiche disposizioni di Legge e sono rafforzati i meccanismi di segnalazione, sia all'interno degli intermediari che presso l'autorità di vigilanza, per eventuali violazioni normative.
In caso di conflitto d'interesse é previsto l'obbligo di astensione di soci e amministratori nelle delibere, sostituendo il vigente obbligo dell'amministratore d'informare il Consiglio dell'interesse di cui è portatore per una specifica operazione
Vengono adeguati gli importi delle sanzioni che verrebbero, prioritariamente, irrogate alla persona giuridica e poi alle persone fisiche sulla base di specifiche condizioni di legge.

In allegato, alcune note illustrative e l'atto del Governo.


SCARICA IL PDF COMPLETO E ILLUSTRATO
(02/03/2016 - Dott. Roberto Paternicò)
Le più lette:
» Guida legale sull'assegno di mantenimento
» Atto di querela: il fac-simile aggiornato con guida di approfondimento e note giurisprudenziali
» Avvocati: va sanzionato chi chiama la collega "signora"
» Carte di credito: occhio alla truffa del codice Cvv
» Ddl crocifisso: fino a mille euro di multa per chi si rifiuta di esporlo

Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF