Guida in stato di ebbrezza e rifiuto alcoltest: sì alla tenuità del fatto

Le Sezioni Unite della Cassazione hanno ritenuto applicabile la causa di non punibilità di cui all'art. 131-bis c.p. anche a tali ipotesi delittuose
Uomo in stato di ebrezza fermato dalla polizia

di Valeria Zeppilli – È possibile applicare la particolare tenuità del fatto anche alla guida in stato di ebbrezza e al rifiuto di sottoporsi ad alcoltest? Questo è senza dubbio uno dei quesiti più controversi nelle aule di giustizia, che ha dato molto da pensare anche ai giudici della Corte suprema.

Almeno sino ad ora.

Le Sezioni Unite penali della Corte di cassazione, infatti, hanno recentemente diffuso le informazioni provvisorie numero 4 e numero 5 del 2016, con le quali hanno tentato di fare chiarezza in argomento.

In particolare, con tali documenti si sono aperte le porte all'applicabilità anche alle due citate fattispecie delittuose della causa di non punibilità contemplata dall'articolo 131-bis del codice penale, di recente introduzione nel nostro ordinamento.

È ovvio, tuttavia, che per rendere utilizzabile tale "beneficio" anche per le ipotesi di guida in stato di ebbrezza e di rifiuto di sottoporsi ad alcoltest è necessario che ricorrano i presupposti previsti dalla predetta norma e che si resti all'interno del perimetro dalla stessa tracciato.

In sostanza, la sanzione detentiva non deve superare nel massimo i cinque anni, l'offensività deve risultare ridotta e la condotta non deve presentarsi come abituale, per tale intendendosi non solo quella con la quale si pone in essere più volte il medesimo reato ma anche quella con la quale si pongono in essere più reati della stessa indole.

Nonostante l'apertura verso l'applicazione della causa di non punibilità di cui all'articolo 131-bis del codice penale, tuttavia, non è possibile sperare di salvarsi anche dalla sospensione della patente, la cui applicazione è di competenza del prefetto.

Le Sezioni Unite hanno poi chiarito che in caso di inammissibilità del ricorso per cassazione è preclusa la deducibilità e la rilevabilità d'ufficio della particolare tenuità del fatto ma anche che nei procedimenti pendenti dinanzi alla Corte per fatti commessi prima dell'entrata in vigore dell'articolo 131-bis la questione è invece deducibile e rilevabile d'ufficio.

Infine si è precisato che i giudici di legittimità che riconoscano la sussistenza della causa di punibilità in analisi la devono dichiarare anche d'ufficio, annullando senza rinvio la sentenza impugnata.

Valeria ZeppilliAvv. Valeria Zeppilli - profilo e articoli
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
Print Friendly and PDF
newsletter
(28/02/2016 - Valeria Zeppilli) CommentiUltimi commentiCita nel tuo sito
Le più lette:
» Avvocati: sanzionato chi non attende il collega avversario in udienza
» Quando il pettegolezzo diventa reato
» Riforma processo esecutivo: via libera definitivo. Tutte le novità e il testo approvato
» Cassazione: il fruttivendolo che tiene le cassette sul marciapiede commette reato
» Auto col finestrino abbassato: multa da 41 euro!

Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus

Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin