Sei in: Home » Articoli

Se l'ospite non se ne va, commette reato

È violazione di domicilio non uscire di casa dietro invito del proprietario
immagine evocativa ospite pesce

di Marina Crisafi – Se è vero, come dice il proverbio, che l'ospite è come il pesce e dopo tre giorni puzza, è anche vero che basta molto meno, se non se ne va nonostante venga caldamente invitato a "smammare" per commettere reato. A ricordarlo è la quinta sezione penale della Cassazione, in una recente sentenza (la n. 5315/2015, qui sotto allegata), condannando un uomo per il reato di violazione di domicilio, in quanto accompagnato alla porta dall'ex moglie si era rifiutato di uscire, trattenendosi oltre il dovuto nella casa della stessa.

L'uomo era entrato nell'abitazione con il consenso della donna, ma in seguito ad un contrasto di opinioni insorto con l'ex, si era trattenuto, sia pure per un breve arco di tempo, nonostante i ripetuti inviti ad allontanarsi, anche ad opera di un carabiniere intervenuto su richiesta della donna stessa.

Per la Cassazione, l'uomo è colpevole e per la condanna sono sufficienti le dichiarazioni della persona offesa, titolare del diritto di esclusione dall'abitazione familiare anche nei confronti del marito separato, e dello stesso carabiniere.

La testimonianza della persona offesa, infatti, ha ricordato piazza Cavour, è fonte conoscitiva che "non presenta un'affidabilità ridotta, bisognevole di rafforzamento per raggiungere un'adeguata capacità persuasiva". Al pari di tutte le testimonianze, "deve essere sottoposta al generale controllo sulle capacità percettive e mnemoniche del dichiarante, nonchè sulla corrispondenza al vero della sua rievocazione dei fatti, desunta dalla linearità logica della sua esposizione e dall'assenza di risultanze processuali incompatibili, caratterizzate da pari o prevalente spessore di credibilità".

Questo controllo, a detta degli Ermellini, è stato effettuato in maniera esaustiva dalla corte di merito, che, alla stregua delle risultanze processuali e probatorie, ha razionalmente e insindacabilmente ritenuto dimostrata la responsabilità dell'imputato. Né può valere ad escludere la rilevanza penale del comportamento dell'uomo e della sua cosciente decisione di sopraffare la volontà della donna, il suo successivo allontanamento, peraltro forzato ad opera della polizia giudiziaria.

Cassazione, sentenza n. 5315/2015
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(31/01/2016 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF