Banche: presto i rimborsi per i truffati ma è allarme tra i consumatori

Pronta la bozza del decreto, ma le associazioni dei consumatori invitano a pensarci bene prima di aderire all'arbitrato
Banconota stretta con cintura simbolo risparmio

di Marina Crisafi - Prima i risparmiatori più anziani e i più gravemente colpiti. Sono queste le priorità definite nella bozza di decreto sugli arbitrati che dovrebbe iniziare a definire la questione dei risparmiatori che hanno subito gravi perdite dal c.d. Salva-banche.

Ma le associazioni dei consumatori invitano "i truffati di Cassa di Risparmio di Ferrara, Banca delle Marche, Banca popolare dell'Etruria e del Lazio, Carichieti che hanno subito ingenti danni con il decreto del governo che ha anticipato il bail-in – a pensarci – molto bene prima di aderire ad arbitrati".

Sono Adusbef e Federconsumatori, in particolare, con una nota appena diffusa, a mettere in guardia le vittime delle banche, in quanto si rischia di sommare "al danno la beffa". I collegi infatti, sottolinea Elio Lannutti "saranno composti dagli stessi fiduciari delle contigue autorità vigilanti corresponsabili dell'esproprio del loro sudato risparmio". E per di più per le due associazioni sono "umiliazioni inaccettabili le elemosine arbitrali proposte ai più bisognosi con metodi assurdi a risparmiatori espropriati".

Quanto alla bozza di decreto, che, secondo le prime indiscrezioni, è in dirittura d'arrivo, oltre alla definizione delle priorità dei rimborsi, ad essere fissati sono anche i tempi per pervenire alla soluzione dell'arbitrato: novanta giorni più altri 30 per eventuali proroghe. L'arbitrato sarà gratuito e si applicherà agli obbligazionisti colpiti dal decreto.

La camera arbitrale sarà composta da 12 collegi, composti da un presidente magistrato e altri 4 membri, che dovranno occuparsi dei ricorsi, ponendo attenzione soprattutto agli obblighi di correttezza e trasparenza nella vendita dei prodotti finanziari.

Le istanze dovranno pervenire entro quattro mesi dall'emanazione del decreto.

Il lodo sarà deciso a maggioranza e la supervisione spetterà all'Anac di Raffaele Cantone.

Print Friendly and PDF
newsletter
(16/01/2016 - Marina Crisafi) CommentiUltimi commentiCita nel tuo sito
Le più lette:
» Le quote ereditarie nella successione legittima. Come dividere l'eredità in mancanza di testamento. Con tabella sintetica.
» Serate musicali: bar e ristoranti non devono chiedere l’autorizzazione
» Figli a carico: arriva l'assegno universale di 150 euro al mese
» Accesso agli atti: se l'ufficio nega, non serve più il Tar
» Che succede se rifiuti o non ritiri la raccomandata?

Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus

Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin