Sei in: Home » Articoli

Diniego di concessione edilizia in sanatoria: affrontare correttamente la causa amministrativa

Nota di commento alla sentenza del Consiglio di Stato n. 2774 del 5 giugno 2015
sentenza martello giustizia

Avv. Francesco Pandolfi - In materia di diniego di concessione edilizia in sanatoria (nel caso di specie, all'attenzione del Consiglio di Stato nella sentenza n. 2774/2015 in commento, una capanna destinata a ricovero mezzi e strumenti agricoli) è controproducente per l'interessato mentire sulla circostanza "tempo" di realizzazione dell'opera cioè, per esempio, dichiarare che il manufatto è stato realizzato in data antecedente al termine (31.12.1993 ex art. 39 l. n. 724/94) normativamente stabilito.

Questo perché tante volte non si pensa a fondo a che cosa accadrà dopo in giudizio.

Ebbene, sicuramente da tener presente è il principio dell'onere della prova: in altri termini grava sull'interessato l'onere di dimostrare l'ultimazione dei lavori entro la data utile per ottenere il condono, ciò attraverso qualunque documento dal quale sia possibile desumere che l'abuso è stato realizzato entro la data predetta.

Pensiamo quindi a documenti come fatture, rilievi aereofotogrammetrici, ricevute per acquisto materiali edili, fatture per esecuzione delle lavorazioni edili: il tutto senza ritenere sufficiente una semplice dichiarazione sostitutiva di atto notorio.

Tra l'altro, in una situazione di deficit di elementi probatori, si rischia che il Collegio giudicante non accolga neppure la richiesta di "prova testimoniale" che, pur astrattamente ammissibile, non si sincronizza del tutto con il principio dispositivo con metodo acquisitivo degli elementi di prova da parte del giudice (il che significa che la parte deve prestare attenzione a fornire almeno indizi dai quali il giudice possa esercitare i propri poteri istruttori).

Cosa fare in situazioni analoghe?

E' semplice: per evitare che Tribunale amministrativo prima e Consiglio di Stato in sede giurisdizionale dopo rigettino la domanda, corredare la domanda con ogni utile documento istruttorio.

Per contattare l'avv. Francesco Pandolfi:

3286090590 francesco.pandolfi66@gmail.com

blog: www.pandolfistudiolegale.it

Francesco Pandolfi
E-mail: francesco.pandolfi66@gmail.com - Tel: 328.6090590
Recapiti: Via Giacomo Matteotti 147, 4015 Priverno LT
Si occupa principalmente di Diritto Militare in ambito amministrativo, penale, civile e disciplinare ed è autore di numerose pubblicazioni in materia.
Altre informazioni su questo argomento? Richiedi una consulenza all'Avv. Pandolfi
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(11/01/2016 - Avv. Francesco Pandolfi)
Le più lette:
» Pensioni pagate in più, l'Inps non può chiedere indietro i soldi
» Avvocati: al via la petizione contro la Cassa forense
» Il padre anziano può regalare il patrimonio agli amici anziché lasciarlo alle figlie
» Divorzio: le tre vie per dirsi addio
» Whatsapp può spiare le chat private: l'allarme degli esperti
In evidenza oggi.
Avvocati: al via la petizione contro la Cassa Forense
Parte da Catania la petizione contro i costi della Cassa Previdenza Forense
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF