Sei in: Home » Articoli

Anche le ex mogli devono mantenere i mariti. Almeno in teoria...

Il mantenimento va a vantaggio del coniuge economicamente più debole. Ma oggi solo nel 4% dei casi è l'uomo a percepire l'assegno.
coppia divorzio separazione coniugale mantenimento

di Valeria Zeppilli – Quando marito e moglie decidono di porre fine al loro rapporto coniugale, è quasi sempre l'uomo a dover versare l'assegno di mantenimento alla ex compagna. E, stando alle stime, si parla del 96% dei casi.

Eppure la normativa italiana non fa distinzioni tra uomo e donna. Il mantenimento ha infatti lo scopo di garantire che il coniuge economicamente più debole possa conservare, anche dopo la separazione, lo stesso tenore di vita goduto durante il matrimonio.

Se quindi il coniuge economicamente più forte è la donna, spetta a lei versare il mantenimento al suo ex marito. E non mancano pronunce in tal senso.

Di recente, ad esempio, la Cassazione, con la sentenza numero 8716/2015 (qui sotto allegata), ha confermato a carico di una ricca casalinga l'obbligo di versare il mantenimento all'ex marito in mobilità.

In un'altra sentenza, il Tribunale di Ivrea (sent. n. 10/2015), ha accolto la domanda di un uomo che aveva chiesto il mantenimento all'ex moglie. In quel caso, l'ex marito, durante il matrimonio aveva aiutato la moglie nella gestione di un negozio e si era poi trovato senza lavoro (Vedi: La moglie deve mantenere l'ex disoccupato che la aiutava in negozio)

Oltretutto, negli ultimi anni i casi in cui la situazione sia quella opposta, e siano quindi le donne a mantenere gli ex mariti, sono in netto aumento.

Complice probabilmente l'emancipazione sempre più crescente delle donne e la loro affermazione nel mondo del lavoro, in circa il 4% delle separazioni le mogli sono state reputate soggetti economicamente più forti e tenute, quindi, al mantenimento dell'ex coniuge.

Vedi anche:

- La guida legale sull'assegno di mantenimento

- La raccolta di articoli e sentenze in materia di mantenimento

Corte di cassazione testo sentenza numero 8716/2015
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(03/01/2016 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
» Trenitalia: treni "nascosti" per fare acquistare i viaggi più cari, Antitrust apre istruttoria
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF