Sei in: Home » Articoli

Amnesty International: la prostituzione va riconosciuta come "diritto umano"

La proposta sarà presentata a Dublino all'International Council Meeting
escort prostituta prostituzione
di Laura Bazzan - Amnesty International ha annunciato che, in occasione dell'International Council Meeting previsto per la prossima settimana a Dublino (7-11 agosto), sottoporrà ai propri delegati una proposta per il riconoscimento della prostituzione come diritto umano
Riqualificando il termine "prostituzione" con quello di "lavoro sessuale", l'organizzazione non governativa internazionale, impegnata da sempre nella difesa dei diritti umani, intende denunciare come il vero problema non sia la pratica sessuale stessa ma la sua criminalizzazione e la «cultura dell'impunità per chi commette abusi»

Nelle intenzioni di Amnesty, la misura è volta a conferire maggiore dignità ai c.d. sex workers, proteggendo i diritti di chi vende il proprio corpo per denaro e ritenendo il divieto e la penalizzazione della vendita delle prestazioni sessuali una violazione dei diritti umani degli stessi lavoratori sessuali. 

Tale impostazione, tuttavia, ha suscitato diverse polemiche: grande è il timore che la liberalizzazione del mercato sessuale abbia come unico effetto la legalizzazione della tratta di esseri umani e alcuni grandi nomi dello spettacolo (Meryl Streep, Kate Winslet, Lisa Kudrow, Anne Hathaway, Emma Thompson, Emily Blunt, Lena Dunham, Claire Dans) si sono fatti promotori di una petizione contro il documento.



Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(01/08/2015 - Avv. Laura Bazzan)
Le più lette:
» Avvocati: la pennichella può aiutare a vincere le cause
» Telecamere negli ospizi: approvata la prima legge regionale
» Avvocati: abolire i contributi obbligatori alla Cassa
» Biotestamento: arriva il diritto alla sedazione profonda?
» Commette reato per il praticante che si spaccia per avvocato
In evidenza oggi.
Auto: addio al libretto, arriva il foglio unico
Avvocati: abolire i contributi obbligatori alla Cassa
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF