Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Le spese legali si pagano a chi ha vinto e non all'avvocato

L'unica eccezione è data dal provvedimento che dispone la distrazione delle spese ex art. 93 c.p.c.. Ma tale provvedimento può essere revocato se il cliente ha già pagato
giudice sentenza martello

Le spese legali, comprendenti cioè i compensi dell'avvocato per l'attività professionale prestata al proprio assistito (nonché le spese “vive” dallo stesso anticipate), di regola, non vengono pagate nelle mani dello stesso avvocato, ma in quelle della parte vittoriosa, unitamente alle eventuali somme ad essa spettanti e liquidate nel dispositivo dal giudice.

L'unica ipotesi in cui le spese legali vengono pagate direttamente al difensore è quella disciplinata dall'art. 93 c.p.c. concernente la “distrazione delle spese”.

Si tratta di un istituto generale che trova applicazione nei diversi tipi di procedimento e che consente al difensore di chiedere al giudice (con apposita istanza, nel corso della causa) che nella medesima sentenza in cui condanna alle spese, provveda a distrarre appunto in suo favore (e degli eventuali altri difensori) sia gli onorari non riscossi che le spese anticipate.

Una volta accolta l'istanza del difensore, mediante il provvedimento di distrazione delle spese processuali, tra questo e la parte soccombente si instaura un diritto autonomo di credito, rispetto a quello preesistente tra i contendenti.

Per cui, il difensore distrattario, nell'ipotesi di controversie relative alla distrazione delle spese, assumerà la veste di vera e propria parte (Cass. n. 20744/2011) e sarà l'unico legittimato ad intimare precetto di pagamento per il recupero dell'importo delle spese e degli onorari (Trib. Bari 30.1.2012).

In ogni caso, in base a quanto disposto dal comma 2 dell'art. 93 c.p.c., finchè l'avvocato non abbia conseguito il rimborso che gli è stato attribuito, la parte potrà chiedere al giudice (nelle forme della correzione delle sentenze), la revoca del provvedimento, laddove dimostri di avere già soddisfatto il credito dovuto per gli onorari e le spese.

Nell'ipotesi, invece, di omessa pronuncia da parte del giudice sulla domanda di distrazione, per la più recente giurisprudenza, l'avvocato non dovrà impugnare la decisione secondo le vie ordinarie, ma potrà attivare la più celere procedura per la correzione degli errori materiali (ex artt. 287 e 288 c.p.c.), in quanto trattasi soltanto della necessità “di porre rimedio ad un errore solo formale, estraneo alla decisione - che lascia - immutata la conclusione adottata” (cfr. Cass. SS.UU. n. 16037/2010).

 

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(19/06/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Eredità: 10 cose da sapere per una consapevole pianificazione successoria
» Risarcisce il cliente l'avvocato che dimentica di iscrivere la causa e mente sul punto
» Tradimento: quello "programmato" diventa di moda tra i mariti
» Mobbing e risarcimento danni: come dimostrare di aver subito una persecuzione
» Avvocato censurato se non assolve l'obbligo della formazione
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF