Sono legittimi i test preselettivi di cultura generale poco attinenti con il profilo professionale richiesto. È quanto stabilito dalla sentenza 33368 del Tar Lazio, depositata il 10 novembre 2010 su ricorso proposto da alcuni partecipanti al concorso che avevano richiesto l'annullamento della prova concorsuale con riferimento alla poca attinenza dei quiz preselettivi di cultura generale, con il profilo professionale richiesto. Il Tar, nel rigettare il ricorso ha spiegato che "i quiz preselettivi non devono necessariamente vertere sulle materie d'esame, avendo gli stessi la finalità di accertare attitudini differenti rispetto a quelle cui tendono le tradizionali prove di concorso, ossia di saggiare nel loro insieme il retroterra culturale del candidato, nonché la sua capacità di decisione o di scelta".
Condividi
Feedback

(12/11/2010 - Luisa Foti)
In evidenza oggi:
» Avvocati: illecito chiedere compensi al cliente ammesso al gratuito patrocinio
» Coronavirus: mutui sospesi fino al 30 settembre su richiesta