Ha espresso apprezzamenti favorevoli la Federcasalinghe in relazione alla recente sentenza della Corte di Cassazione che ha definito la casalinga come la "Manager dellal famiglia". In una nota la federazione scrive: "la sentenza 16896 della terza sezione civile e' intervenuta su un caso d'incidente stradale, che ha coinvolto in modo grave una 'casalinga'. [...] L'assicurazione aveva eccepito sul valore del risarcimento richiesto, in quanto la 'casalinga' non svolgeva in modo diretto le 'faccende domestiche', avendo al suo servizio una colf. La Cassazione ha chiarito - si legge ancora nella nota - che i compiti di gestione della famiglia risultano di maggior ampiezza, intensita' e responsabilita' rispetto al semplice disbrigo delle 'faccende domestiche'". La presidente nazionale di Federcasalinghe, Federica Gasparrini, ha inoltre dichiarato: "Siamo assolutamente soddisfatte per la sentenza equa e moderna: basta con la cultura di basso profilo che vede la casalinga come persona addetta a pulire e cucinare. Crescere con attenzione continua i figli, assicurare una vita serena a tutto il nucleo familiare, amministrare il bilancio familiare spesso molto esiguo, gestire il valore legato alle risorse umane: questo e' il lavoro delle 'manager della famiglia', le casalinghe. Il loro lavoro vale in Italia il 20% del Pil".

Condividi
Feedback

(23/07/2010 - Notiziario)
In evidenza oggi: