L’Agenzia delle Entrate (Risoluzione del 31/03/2003 n. 77/E) ha chiarito che le controversie di competenza del Giudice di Pace che siano di valore inferiore a Euro 1.032,902 (2 milioni di vecchie lire) sono esenti dall’imposta di registro. Gli atti e i provvedimenti relativi a tali vertenze, debbono però essere ugualmente trasmessi dalla Cancelleria all’Ufficio competente per la registrazione e ciò nonostante non sia previsto il pagamento della relativa imposta.

Condividi
Feedback

(22/04/2003 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi: