Sei in: Home » Articoli

Variazioni degli importi da corrispondere a titolo di indennitÓ antitubercolari, secondo la percentuale indicata dagli artt. 1 e 2 del Decreto del Ministro dell'Economia e delle Finanze del 19 novembre 2009

Gli importi delle indennitÓ antitubercolari sono correlate legislativamente alla dinamica del trattamento minimo delle pensioni a carico del Fondo pensioni lavoratori dipendenti. Pertanto, per effetto delle variazioni percentuali determinate dall'art. 1 e dall'art. 2 del decreto del Ministro dell'Economia e delle Finanze del 19/11/2009, pubblicato sulla G.U. n. 280 del 1/12/2009, pari rispettivamente al 3,2% dal 1░gennaio 2009 e all' 0,7% dal 1░gennaio 2010, sono rideterminati, per il 2009 e per il 2010, gli importi delle indennitÓ. La procedura automatizzata di liquidazione delle prestazioni antitubercolari Ŕ stata adeguata con i nuovi importi. Si rammenta che l'aggiornamento di cui trattasi sarÓ operato, sempre a decorrere dal 1░ gennaio 2010, anche sulle indennitÓ giornaliere in corso di godimento a quest'ultima data, spettanti agli assicurati contro la tubercolosi in misura pari all'indennitÓ di malattia per i primi 180 giorni di assistenza ai sensi dell'art. 1, co. 1, della legge 14 dicembre 1970, n. 1088. In ogni caso, se l'indennitÓ di malattia da corrispondere dovesse risultare inferiore all'indennitÓ giornaliera nella misura fissa di Euro 12,08, dovrÓ essere erogata quest'ultima.
(Circolare Inps n. 8 del 22.01.2010)
(25/02/2010 - Francesca Bertinelli)
Le pi¨ lette:
» Le aree destinate a parcheggio nel condominio
» Tassa rifiuti: va calcolata una sola volta per tutto l'immobile
» Cassazione: la telefonata registrata Ŕ una prova e pu˛ essere utilizzata in giudizio
» Autovelox: come difendersi dalle contravvenzioni illegittime
» Affido condiviso: fino a 3 anni il bambino pu˛ dormire dal padre solo ogni tanto
In evidenza oggi
Case, assicurazione obbligatoria contro i terremoti in bolletta: la proposta alla CameraCase, assicurazione obbligatoria contro i terremoti in bolletta: la proposta alla Camera
Divorzio: la nuova convivenza dell'ex non basta per dire addio all'assegnoDivorzio: la nuova convivenza dell'ex non basta per dire addio all'assegno
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF