Sei in: Home » Articoli

Attività del messo notificatore: presunzione relativa della natura subordinata del rapporto

Condividi
Seguici

Ai sensi dei Dlgs 46/99 e 112/99 e dell'art.159 della l. 296/2006, si stabilisce che l'incarico di messo notificatore può essere affidato anche a soggetti non legati da un rapporto di lavoro subordinato con l'ente locale o con l'agente unico per la riscossione, purchè gli stessi, per qualifica professionale, esperienza, capacità ed affidabilità forniscano idonea garanzia del corretto svolgimento delle funzioni assegnate, ove, invece, il contratto di collaborazione coordinata e continuativa formalmente sottoscritto dalle parti, in assenza dei requisiti della specificità e della temporaneità del progetto e/o del programma di lavoro, non risulti conforme allo schema legale, in tal caso troverà ingresso la presunzione circa la natura subordinata del rapporto di lavoro, presunzione che deve essere qualificata come relativa, in quanto ove si accogliesse la soluzione contraria, si finirebbe per qualificare come subordinata, in assenza di progetto, anche una prestazione effettivamente e genuinamente autonoma ( Trib. Genova 663/2009).
(13/01/2010 - Francesca Bertinelli)
In evidenza oggi:
» Droni: dal 15 dicembre obbligatoria l'assicurazione
» INI-PEC valido e attendibile: la Cassazione corregge il tiro

Newsletter f t in Rss