Sei in: Home » Articoli

Garante: Test genetici via Internet, necessarie maggiori garanzie

Il Garante per la protezione dei dati personali ha dato notizia (newsletter del 24 febbraio-2 marzo 2003) di una recente pubblicazione del Gruppo Europeo sull'Etica nelle Scienze e nelle Nuove Tecnologie in cui vengono segnalti all'opinione pubblica, e a tutti i soggetti con responsabilità politiche, i problemi legati alla pubblicità dei test genetici via Internet. Tale Gruppo, che riunisce esperti di varie discipline (tra cui il Garante per la protezione dei dati personali) e che si occupa di offrire consulenze e indicazioni sugli aspetti etici dell'attività scientifica e delle nuove tecnologie, alla Commissione UE, ha precisato che le informazioni fornite dai messaggi pubblicitari sono spesso fuorvianti e imprecise e che i test genetici possono avere conseguenze negative se non vengono accompagnati da un'adeguata consulenza. La commercializzazione di massa dei test genetici, spiega il Garante, "pone molti e gravi problemi etici, sociali, giuridici e tende a trasformare uno strumento eminentemente diagnostico in una merce alla stregua di ogni altra, creando una domanda che può avere conseguenze potenzialmente laceranti per il tessuto sociale ed i rapporti interpersonali.
In molti casi non ci sono sufficienti garanzie nella raccolta dei dati genetici inviati per i test e possono essere messe a rischio sia la salute delle persone sia la riservatezza dei dati sanitari".
(05/03/2003 - Avv.Cristina Matricardi)
Le più lette:
» In vigore il reddito di inclusione: fino a 485 euro al mese
» Addio definitivo alla Siae
» Giardini e terrazzi privati: al via il bonus verde del 36%
» Come funziona la rottamazione "bis" delle cartelle
» Responsabilità medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria
In evidenza oggi
Mammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticketMammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticket
Responsabilità medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitariaResponsabilità medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF