Sei in: Home » Articoli

Ministero Interno: una direttiva contro la violenza negli stadi

Il Ministero degli Interno con direttiva del 14 agosto 2009 ha disposto per la stagione calcistica in corso, e per quelle successive, una serie di misure finalizzate alla lotta contro la violenza negli stadi. In particolare è stato stabilito che, a far data dal 1° gennaio prossimo, per seguire la squadra in trasferta i tifosi dovranno munirsi della cd. 'tessera del tifoso'. Per ottenere il nulla osta della Questura che autorizza le società a rilasciare la carta, è necessario non avere Daspo in corso e condanne per reati da stadio negli ultimi 5 anni e, i dati personali, dopo le verifiche, saranno conservati dalle sole società sportive. A partire dalla stessa data, inoltre, le società potranno vendere o cedere a qualsiasi titolo i tagliandi riservati ai settori ospiti esclusivamente ai possessori della 'tessera del tifoso'. Nella direttiva è stato quindi evidenziato che, entro il 31 dicembre prossimo, gli impianti con capienza superiore a 7.500 spettatori dovranno essere dotati di corsie cd. di accesso 'dedicate' ai possessori della card e ai loro familiari e/o accompagnatori.
Il titolare della card potrà accedere allo stadio anche nei casi di partite soggette a restrizioni, potrà godere di procedure veloci per l'accesso allo stadio, attraverso la creazione di varchi dedicati e potrà usufruire di procedure più snelle per l'acquisto dei biglietti. Il possesso della carta garantirà la possibilità di usufruire delle opportunità offerte dalle società calcistiche in esclusiva (diritto di prelazione per l'acquisto di biglietti, accumulo di punti, convenzioni con altre società private come Ferrovie dello Stato, Autogrill e altri partner e sponsor).
(18/09/2009 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» RC Auto: al via gli sconti obbligatori
» In arrivo più ferie e ponti per tutti
» Avvocati: addio contributo minimo integrativo
» In arrivo più ferie e ponti per tutti
» Multa col cellulare in auto anche se non si parla


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Resta aggiornato. Segui StudioCataldi su Telegram      SCOPRI DI PIU'
chiudi